SMART EVOLUTION

ESight 3, il visore per le persone con gravi problemi alla vista. Foto

È un particolare dispositivo pensato per quei soggetti considerati come legalmente ciechi, e in futuro potrebbe essere inserito in occhiali o lenti a contatto

Un visore può cambiare il mondo. No, non stiamo parlando di realtà virtuale e simili ma di eSight 3, un particolare dispositivo, dotato di camera con schermi ad alta risoluzione e prismi ottici, che aiuta le persone considerate come legalmente cieche a rivedere. Sembra un film di fantascienza ma è realtà.

Il dispositivo è un visore di ultima generazione che grazie all’utilizzo di particolari fotocamere presenta alla persona con gravi problemi alla vista delle immagini chiare e nitide, dando la possiblità di interagire con il mondo in maniera totalmente autonoma in ogni situazione. È un chiaro esempio di come oggi i problemi di accessibilità possano essere, in parte, risolti grazie all’uso della tecnologia. E questo è un argomento sempre più importante che sta attirando l’interesse di grandi società come Apple e Microsoft. Non essendo un farmaco e non necessitando di interventi chirurgici chiunque con gravi problemi alla vista può provare eSight 3.

eSight: a chi è dedicato

(Tratto da YouTube)

Ovviamente il visore non è adatto per tutti i tipi di gravi malattie alla vista. È particolarmente indicato per soggetti che hanno subito una degenerazione maculare o per chi ha riportato importanti cali visivi in seguito al diabete. Però ancora non riesce a funzionare al massimo per coloro che hanno un glaucoma. In questi casi, il danno alla retina può essere maggiore di quanto eSight possa risolvere. Gli esperti dichiarano comunque che il dispositivo ha il 50% di possibilità di successo nelle gravi malattie alla vista. E già questo è un ottimo data di partenza.

Come si usa e quale futuro avrà

La tecnologia di lenti liquide all’interno della camera ha una messa a fuoco velocissima, meno di un millisecondo. Quasi la stessa di quella dell’occhio umano. eSight è chiamato 3 poiché è la terza versione del dispositivo che negli ultimi tempi ha fatto continui passi da gigante. L’azienda realizzatrice vorrebbe trasformarlo in un semplice paio di occhiali intelligenti, oppure in un paio di lenti a contatto di ultimissima generazione. E in molti sono convinti di riuscire nell’impresa in massimo 5 o 10 anni. Per gestire al meglio il dispositivo le persone con problemi seri alla vista vengono dotate anche di un controller per regolare le immagini, lo zoom, il contrasto e anche la luce in caso di scarsa illuminazione.

 

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_video@libero.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Ti raccomandiamo