virus Fonte foto: Shutterstock
SICUREZZA INFORMATICA

Perché installare l'antivirus su smartphone Android

Dalle app maligne, alla navigazione in Rete passando per le truffe via email. Ecco i motivi per cui conviene installare un antivirus sul nostro smartphone

Sul computer di casa, quasi tutti e per una buona ragione, utilizziamo un antivirus. Per proteggerci dagli hacker e per tutelare la nostra sicurezza informatica. Ma sullo smartphone Android invece conviene avere un antivirus? Vediamo quali rischi corriamo se non proteggiamo il nostro telefono dai virus.

Tra i motivi che spingono i consumatori ad acquistare un iPhone rispetto a uno smartphone con sistema operativo Android c’è sicuramente la sicurezza informatica. iOS, infatti, storicamente è stato dipinto come un sistema con meno rischi rispetto a quello creato da Google. Applicazioni maligne, backdoor e trojan. La vita senza un antivirus con uno smartphone Android sembra essere un incubo. Negli ultimi tempi Google ha lavorato per risolvere molte vulnerabilità di sistema e sul Play Store. Ma tutto questo potrebbe non bastare. Ed è in questi casi che entrano in gioco gli antivirus per Android.

Android è veramente a rischio?

Partiamo da una considerazione: fino ad oggi il numero di dispositivi Android infettati è infinitamente più piccolo rispetto ai vari notebook, PC e computer presi di mira dagli hacker. Questo però non significa che siamo al sicuro. Tablet e Smartphone Android infatti sono tutto tranne che invulnerabili. I cyber criminali inoltre negli ultimi tempi hanno iniziato a concentrarsi maggiormente sui dispositivi mobile rispetto al passato. E soprattutto sulle applicazioni, che risultano essere sviluppate, nella maggior parte dei casi, in maniera poco sicura. Il pericolo più grande utilizzando uno smartphone Android resta comunque la navigazione in Internet. E in questo campo il virus più pericoloso degli ultimi tempi sembra essere rappresentato dal trojan Obad. Questo è considerato come il malware più pericoloso mai registrato su dispositivi mobile. E poi non vanno sottovalutati i ransomware per smartphone. Che sono in costante ascesa.

iOS più sicuro di Android

Spesso sentiamo dire che Apple e soprattutto i suoi dispositivi con iOS sono immuni dagli attacchi hacker. Questa è una convinzione assolutamente falsa. La verità è che i dispositivi di Cupertino sono dotati di sistemi più chiusi, dove è più difficile attaccare per i cyber criminali. Ma sono stati registrati diversi casi di infezioni e truffe anche a danni di utenti iPhone o iPad. Essendo Android un sistema aperto comunque è più facile da sabotare per gli hacker. Perciò in questo senso sì è meno sicuro di iOS.

Google e i problemi su Play Store

Viste le continue scoperte di app maligne dobbiamo avere paura a utilizzare il Play Store su Android? La risposta è no, ma dobbiamo costantemente prestare attenzione a quello che decidiamo di scaricare e installare sul nostro smartphone. Evitiamo poi di installare app non ufficiali e così via. Google ha annunciato di aver eliminato tutti gli spybot e le applicazioni maligne dal proprio Store grazie a dei particolari filtri. Sappiamo però che questo sistema non è infallibile al 100% perciò prevenire è sempre meglio che curare. Prima di installare perciò guardiamo i commenti positivi o negativi dell’app, il numero di download e controlliamo scrupolosamente le autorizzazioni che ci richiede. Guardiamo anche il nome dell’azienda che ha sviluppato l’app e controlliamo in rete o nel sito della stessa se combacia con quanto riportato.

Rischi senza antivirus

Arrivati a questo punto è necessario porsi una domanda: quali rischi effettivi corriamo non utilizzando un antivirus sul nostro smartphone Android? Innanzitutto la prima minaccia è composta dal furto o il monitoraggio dei nostri dati personali. Poi ci sono stati casi di applicazioni che hanno corrotto tutti i file di un telefono e altre che danneggiano la batteria e il suo corretto funzionamento. Dobbiamo considerare che spesso i nostri smartphone contengono informazioni più riservate anche rispetto a un computer. Soprattutto se non usiamo il PC per lavoro ma solo per giocare o per navigare in rete. Come gli hacker arrivano a infettare il nostro telefono? Le tecniche usate sono molto simile a quelle utilizzate anche sui vari computer. Innanzitutto tramite un’applicazione maligna installata. Oppure tramite malware su un sito web. Ma anche con link infetti nelle email. Ma Internet non è l’unico rischio. Anche gli infrarossi e Bluetooth possono essere degli strumenti usati dai cyber criminali per infettare il nostro dispositivo mobile. Inoltre infettare uno smartphone è più veloce e più semplice rispetto a un PC.

Rischi nell’avere un antivirus

La critica principale mossa dagli utenti agli antivirus per Android è che richiedono troppe autorizzazioni. Ovvero per proteggerci dai virus prendono possesso di tutti i nostri dati. Insomma, bisogna fidarsi abbastanza prima di accettare per la prima volta tutte queste autorizzazioni. Inoltre molti antivirus sono sempre in esecuzione in background, e questo si traduce con un consumo smisurato della batteria. Inoltre spesso sono a pagamento, soprattutto quelli più efficienti. Mentre quelli gratuiti è molto probabile che non ci proteggano da tutti i malware esistenti.

Quale antivirus scegliere su Android

Scegliere un antivirus non è semplice. Bisogna farlo in base alle proprie esigenze e alle proprie disponibilità. Tre tra i maggiori consigliati comunque sono Avast Mobile Security & Antivirus, AVG Mobile (che funziona sia su smartphone che su tablet Android) e Avira Antivirus Security. Prima di sceglierne uno comunque è consigliabile provarne almeno un paio. Questo per notare in base al vostro utilizzo dello smartphone qual è il vostro preferito. E anche per capire quale antivirus consuma meno batteria in compatibilità con il vostro telefono.

Ti raccomandiamo