samsung-gear-s3 Fonte foto: Samsung
TECH NEWS

Smartwatch Samsung, brevettato modello con doppio display

Samsung vuole ripetere l'esperimento di successo già fatto con gli smartphone, aggiungendo uno schermo flessibile sul quale mostrare informazioni secondarie

Un brevetto Samsung, depositato presso lo U.S. Patent & Trademark Office (l’ufficio brevetti statunitense) a metà marzo 2017 potrebbe aiutare a segnare una nuova fase nel mondo (non sempre innovativo) degli smartwatch. La casa sudcoreana, infatti, ha progettato un orologio intelligente dotato di uno schermo secondario.

La soluzione proposta da Samsung è molto interessante, sia da un punto di vista tecnico-tecnologico, sia da un punto di vista prettamente funzionale. Dopo aver portato per prima gli schermi flessibili sugli smartphone, la casa sudocreana vuole ripetere l’impresa – ben più complessa – anche sugli smartwatch. Come si può vedere dalle immagini allegate al brevetto, infatti, il quadrante è leggermente rialzato e circondato lungo tutto il suo perimetro da uno schermo OLED alto qualche decina di pixel. Quanto basta, comunque, per mostrare informazioni aggiuntive che non saranno poi mostrate sullo schermo principale.

Schermo flessibile sugli smartwatch, a cosa serve

 

Il brevetto dello smartwatch Samsung con display aggiuntivoFonte foto: Patently Mobile
Il brevetto dello smartwatch Samsung con display aggiuntivo

Sul display secondario, Samsung progetta di mostrare informazioni basilari come l’orario e la data, le previsioni meteo, la traccia musicale riprodotta in quell’istante e notifiche di messaggistica istantanea. Come detto, informazioni basilari ma tutt’altro che secondarie: in questo modo, infatti, l’utente non dovrà accedere (e accendere) il display principale per controllare quello che sta “accadendo”. Il display secondario, dunque, avrà un doppio ruolo: da un lato quello prettamente funzionale, dall’altro consentirà agli utenti di risparmiare la batteria e far sì che si riesca ad arrivare agevolmente a fine giornata con singola carica.

Ti raccomandiamo