whatsapp-non-funziona Fonte foto: Shutterstock
TECH NEWS

WhatsApp non funziona, down il servizio di messaggistica istantanea

Dalle 22 del 3 maggio (ora italiana) WhatsApp è down. Il problema risiederebbe nei server, ma la società californiana non ha ancora rilasciato commenti

Non vi preoccupate, non è colpa vostra né tanto meno del vostro smartphone. Dalle 22 circa del 3 maggio WhatsApp non funziona in gran parte del mondo, Italia inclusa: una problematica piuttosto seria, dal momento che il malfunzionamento si è protratto per diverse ore nel corso della nottata italiana.

Anche se dal quartiere generale di WhatsApp non sono trapelate informazioni ufficiali, molti esperti hanno provato ad avanzare ipotesi sul malfunzionamento che ha messo KO il servizio di messaggistica istantanea più utilizzato al mondo. Secondo le voci più quotate il nocciolo del problema risiederebbe nei server WhatsApp, che avrebbero fatto crashare la piattaforma perché incapaci di gestire l’alto numero di richieste in arrivo dai client. Una sorta di attacco DDoS, insomma, anche se al momento l’ipotesi di un cyberattacco sembra essere stata scartata.

Tutto sembra essere nato da WhatsApp Web, la piattaforma che consente di chattare con i propri contatti anche da PC. I tecnici e gli ingegneri, comunque, sono al lavoro per risolvere il problema nel minor tempo possibile. Insomma, WhatsApp è down ma non per molto.

#whatsappdown subito tra i trending topic

La notizia, ovviamente, ha avuto un’ampia eco sui vari social network. Twitter, in particolare, è stata la cassa di risonanza della protesta degli utenti e l’hashtag #WhatsAppDown si è fatto rapidamente strada tra i trending topic della piattaforma di microblogging. A suon di meme e commenti sarcastici, gli internauti hanno reso pubblico il loro disappunto a partire dalle 22 circa ora italiana, continuando a segnalare problematiche e malfunzionamenti per gran parte della nottata.

WhatsApp down, le reazioni su TwitterFonte foto: Twitter
WhatsApp down, le reazioni su Twitter

TAG:

Ti raccomandiamo