apple-PowerBook150 Fonte foto: raneko | Flickr
APPLE

PowerBook, i primi notebook Apple sono pronti a tornare dopo 11 anni?

Apple ha appena registrato il marchio PowerBook. Perché? C'è davvero la possibilità di un eventuale ritorno della leggendaria famiglia di notebook di Cupertino?

1 Aprile 2017 - Il Powerbook – piccolo computer portatile – diventato un cult per Apple nel 1991 che consentì al colosso di Cupertino di entrare nel mercato dei laptop, potrebbe presto tornare sugli scaffali. Perlomeno è quanto fa immaginare la registrazione del marchio Powerbook da parte di Apple.

Tutto è possibile, ma è altamente improbabile. La richiesta del marchio PowerBook era stata avanzata e ottenuta lo scorso febbraio da Thomas La Perle, direttore legale di Apple. Ma, come si sa, ogni singola mossa di Apple fa notizia e scatena curiosità, speculazioni, indiscrezioni e gossip. L’ipotesi che va per la maggiore, in questo momento, è l’idea che Apple stia per mandare in pensione la famiglia MacBook per sostituirla con cosa? Nuovi laptop con lo storico marchio PowerBook. Forse la spiegazione più logica, anche se difficile da credere, è che il colosso di Cupertino si fosse dimenticato di registrare il marchio in questione, oppure “chi vivrà, vedrà”. Apple, intanto, non commenta.

Powerbook: una storia di successo

Facciamo, però, adesso un piccolo passo indietro, soprattutto per completezza e per la gioia dei nostalgici, e per chi, forse, non ha vissuto l’era iniziale dei PowerBook. Il primo PowerBook era dotato di un lettore floppy disc, un display in bianco e nero a matrice passiva e un logo Apple multicolor. Steve Jobs, CEO di Apple, lo aveva definito al momento della presentazione come il «primo supercomputer che si poteva effettivamente portare a bordo di un aereo». Il Powerbook 100il primo della serie – era stato progettato da Apple, in collaborazione con Sony, e ha portato nelle casse di Cupertino 1 miliardo di utili nel suo primo anno di vita. Era dotato di un processore 68HC000 a 16 MHz, con 2 o 4 MB di RAM e un disco fisso da 20 o 40 MB. Il PowerBook G4 è stato, invece, l’ultimo della serie e l’ultimo a utilizzare il processore PowerPC coadiuvato da 128 MB di RAM e 10 GB di storage. È stato in vendita dal 2001 al 2006 fino all’arrivo dei MacBook che hanno chiuso il suo quasi quindicennale arco di vita.

Ti raccomandiamo