navigazione-in-incognito Fonte foto: Shutterstock
HOW TO

Cos'è la modalità di navigazione anonima nei browser

Molti usano la navigazione in incognito per aumentare la privacy su Internet, ma in realtà non garantisce il totale anonimato dei propri dati

Navigazione in incognito, navigazione anonima o modalità in anonimo. Questa funzione ha diversi nomi. In base al browser che usiamo. Il risultato finale però è quasi sempre lo stesso. La scegliamo quando vogliamo che la ricerca dei siti non resti salvata nella cronologia delle ricerche.

Gli utenti utilizzano la modalità navigazione in incognito convinti che la loro privacy sia al sicuro. Purtroppo non è così. Infatti, all’indirizzo IP (una sorta di indirizzo personale che identifica un dispositivo connesso a Internet) resta ben visibile a chi è all’esterno e sa benissimo quali siti stiamo visitando. L’unica protezione avviene a livello locale, dove non vengono tracciati le pagine che abbiamo visitato. Insomma, la navigazione anonima può essere una buona copertura, ma che funziona solamente sul proprio computer o sullo smartphone. Ecco cosa è e come funziona la navigazione in incognito.

Come funziona la navigazione anonima

Iniziamo con il dire che la navigazione in incognito o anonima cambia in base al browser che usiamo. Mozilla Firefox, Google Chrome, Internet Explorer, Safari e Opera, per fare alcuni esempi. Nella navigazione “classica” il browser salva la nostra cronologia di navigazione, i cookie dei vari siti visitati, i moduli di scrittura che abbiamo compilato, le password salvate, i file scaricati e tutte le ricerche effettuate nella barra di ricerca. Questi dati sono visibili, oltre a noi stessi, anche al nostro datore di lavoro (se usiamo un device aziendale), al nostro fornitore del servizio Internet e ai siti stessi che visitiamo. Con la navigazione in incognito alcuni di questi dati non vengono salvati nel nostro PC, ma restano comunque visibili per i soggetti prima elencati. Per quanto riguarda i cookie, solitamente, vengono salvati ma solo per la durata della navigazione in incognito. La navigazione in incognito può anche essere utile per usare più pagine dello stesso social network all’unisono. Per esempio se nella navigazione, che possiamo definire classica apriamo Facebook, solitamente ci restituisce il nostro profilo dove siamo già loggati. Se vogliamo accedere con un altro account, magari quello aziendale, possiamo aprire una finestra in incognito. In questo caso ci verrà chiesto di loggarci e le password non verranno salvate per un futuro accesso. Anche se ci dimenticassimo di effettuare il log-out.

Rischi navigazione in incognito

Iniziamo con il dire che la navigazione in incognito non protegge il nostro dispositivo da malware come gli spyware o gli stalkerware. Attenzione poi ai browser che usiamo, alcuni sono impostati per tenere traccia di alcuni movimenti dell’utente anche quando questo imposta la navigazione anonima. Inoltre, la navigazione in incognito non permette di aggirare il parental control. Perciò se i vostri genitori monitorano i siti visitati, sapranno comunque quello che guardate anche se navigate in incognito. Lo stesso discorso vale sui computer di una rete scolastica, di un ufficio o di un centro per la formazione. Se vogliamo nascondere davvero la nostra navigazione uno dei metodi migliori potrebbe essere quella di scaricare il browser web Tor.

 

Ti raccomandiamo