tablet Fonte foto: Shutterstock
TECH NEWS

Sicurezza, cosa sapere per portare pc e tablet in aereo

Mentre Regno Unito e Stati Uniti mettono delle limitazioni all’uso di smartphone e tablet sull’aereo, in Italia non cambierà nulla, almeno per il momento

L’allerta terrorismo è molto alta in tutto il mondo e l’attacco al cuore di Londra non ha fatto altro che innalzare il livello di guardia. Oltre al Muslim Ban 2 emanato da Trump, Stati Uniti e Inghilterra hanno bloccato, per il momento, la possibilità, per gli aerei provenienti da alcuni Paesi arabi, di imbarcare a bordo dell’aereo computer e tablet: potranno essere messi solamente in stiva.

A seguito della decisione di Usa e Inghilterra, anche l’Italia ha riunito il Comitato interministeriale per la sicurezza dei trasporti aerei e degli aeroporti (Cisa), presieduto dall’Enac, per capire la situazione e scegliere le misure da adottare nel prossimo futuro. La situazione è abbastanza complicata e l’allerta terrorismo molto alta, ma il Comitato interministeriale ha deciso per il momento di non innalzare il livello di sicurezza e di monitorare solamente la situazione. Gli aeroporti vengono presieduti quotidianamente dalle forze dell’ordine che monitorano costantemente la situazione.

Una scelta condivisa con gli altri Paesi dell’Unione Europea

La decisione presa dall’Italia è in linea con quelle degli altri Paesi dell’Unione Europea che per il momento non hanno voluto innalzare il livello di guardia. Alla conclusione della riunione non sono emersi allarmi che rendono necessario un ulteriore innalzamento delle misure di sicurezza già in vigore per il trasporto aereo, né l’introduzione di nuove restrizioni per bloccare l’introduzione a bordo di computer e tablet da parte dei passeggeri come quelle disposte dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna. La situazione sarà monitorata costantemente per intervenire in caso di allarme.

Ti raccomandiamo