reti-mesh Fonte foto: Linksys
SMART EVOLUTION

Cosa sono le reti mesh e come migliorano la ricezione del Wi-Fi

Composte da più ripetitori di segnale, le reti mesh Wi-Fi consentono di estendere il segnale in maniera facile e immediata. Ecco perché

A volte può sembrare incredibile, o quasi. Un istante si è comodamente seduti nel salotto di casa, navigando con il proprio smartphone o guardando un film in streaming con il laptop; l’istante dopo ci si sposta in cucina e, nonostante ci si sia mossi appena di qualche decina di centimetri, non si riesce più a navigare.

La ricezione del segnale Wi-Fi del router di casa (ma il discorso vale anche per l’ufficio) ha in sé qualcosa di misterioso. Non sempre si riesce a comprendere come funziona la copertura del segnale e come mai sia così ballerino anche se ci si sposta tra due stanze adiacenti e comunicanti. Per questo motivo si studiano vari trucchi per estendere il segnale Wi-Fi e migliorare la ricezione del laptop, dello smartphone o dello smart TV. Uno di questi, piuttosto recente, prevede di sostituire il router che si ha in casa con router mesh in grado di aumentare il segnale Wi-Fi in tutta casa in maniera quasi istantanea.

Cosa sono le reti mesh

Quando si parla di reti mesh ci si riferisce a un’architettura peer-to-peer (contrapposta all’architettura client-server) nella quale ogni nodo ricopre un ruolo “paritario”. A differenza di altre tipologie di reti locali, non esiste un elemento principale (il router Wi-Fi nel caso delle reti wireless “tradizionali”) né una gerarchia stratificata: tutti gli elementi sono posti sullo stesso piano e svolgono le stesse funzioni. Ciò consente di distribuire in maniera più equilibrata il carico di lavoro (ovvero il flusso dati) ed evita di sovraccaricare un nodo della rete piuttosto che un altro.

Come le reti mesh migliorano la ricezione del Wi-Fi

Questa architettura è oggi utilizzata per migliorare la ricezione del segnale Wi-Fi nelle abitazioni. Sfruttandone le caratteristiche e peculiarità, i produttori di router Wi-Fi sono stati in grado di realizzare dei dispositivi che permettono di estendere la rete Wi-Fi di casa o dell’ufficio in maniera semplice e immediata. Per farlo, è stato “pensionato” il router per come lo abbiamo conosciuto sinora (inteso come elemento centrale e insostituibile della rete senza fili), sostituendolo con una serie di dispositivi in grado di propagare il segnale in tutti gli ambienti grazie a un’architettura distribuita.

I router mesh sono equiparabili, almeno da un punto di vista prettamente teorico, a dei ripetitori di segnale. A differenza di questi ultimi, però, gli elementi di una rete a maglie wireless non replicano semplicemente il segnale del nodo centrale, ma partecipano attivamente allo “smistamento” dei dati e alla definizione della rete stessa. Se, ad esempio, uno degli elementi dovesse smettere improvvisamente di funzionare, gli altri si “adatterebbero” di conseguenza per consentire ai pacchetti di raggiungere ugualmente la loro destinazione. In una normale rete Wi-Fi, invece, ciò non potrebbe mai accadere: se il router dovesse rompersi, non sarebbe più possibile navigare, mentre se il malfunzionamento dovesse riguardare un ripetitore, la zona precedentemente coperta resterebbe “al buio”.

Insomma, una rete Wi-Fi mesh è molto più versatile e “plastica” rispetto a una normale rete basata su un router centrale. Ma non si tratta dell’unico vantaggio offerto da questa soluzione: per aggiungere un nuovo nodo (e aumentare la superficie coperta dalla rete senza fili) sarà sufficiente collegarlo a una presa di corrente elettrica e attendere qualche istante. Il router mesh si configurerà autonomamente e nel giro di pochi secondi, senza che l’utente debba perder tempo in complesse procedure di configurazione. In questo modo estendere il segnale e migliorare la ricezione Wi-Fi in tutta casa richiederà pochissimo tempo.

Ti raccomandiamo