zuckerberg-summit Fonte foto: com. stampa

Facebook Gruppi, nuove funzioni per creare comunità locali

Nel corso del primo Community Summit, Zuckerberg ha annunciato nuovi strumenti per la gestione dei Gruppi. Statistiche, filtri per iscrizioni i più importanti

Con oltre un miliardo di utenti unici, i Gruppi Facebook sono tra le funzionalità più apprezzate e utilizzate dagli iscritti al social network di Mark Zuckerberg. Per questo motivo, la società con sede a Menlo Park ha deciso di aggiungere nuovi strumenti di gestione e nuove funzionalità ai Gruppi, così da incentivarne ulteriormente lo sviluppo.

Ad annunciarlo è stato lo stesso Mark Zuckerberg nel corso del primo Community Summit organizzato in quel di Chicago. Dal palco, il fondatore e CEO della rete sociale ha snocciolato dati e curiosità riguardanti i Gruppi, chiarendo anche quale sia la visione che la società ha per il futuro dei Gruppi: l’obiettivo è quello di creare e rafforzare le comunità locali, mettendo loro a disposizione un luogo di incontro e discussione (seppur virtuale). Per questo motivo gli strumenti che saranno introdotti a breve consentiranno agli amministratori di avere più controllo sugli iscritti, creare sinergie con altri gruppi affini e, soprattutto, verificare quale sia la risposta degli utenti ai post e ai contenuti postati nel gruppo.

I nuovi strumenti per gli amministratori dei Gruppi Facebook

Tre, in particolare, le novità più interessanti presentate da Zuckerberg nel corso del Summit di Chicago: le statistiche, i filtri per le iscrizioni e i collegamenti tra gruppi.

  • Group Insight. Come già accade per i gestori delle Pagine Facebook, con il prossimo aggiornamento della piattaforma anche i gestori dei gruppi avranno la possibilità di accedere agli Insight e verificare quale sia la risposta degli iscritti rispetto ai contenuti postati. Le statistiche permetteranno, in tempo reale, di controllare il livello di engagement, di controllare i tassi di crescita e il numero di nuovi iscritti
  • Filtri per le iscrizioni. Gli amministratori di gruppi chiusi avranno un nuovo, preziosissimo, alleato: i filtri. Come specificato da Zuckerberg, questo nuovo strumento permetterà di filtrare le nuove richieste di iscrizione e aggiungere al gruppo solo quegli utenti che rispettano determinati parametri (città di provenienza, età, interessi sportivi o politici, ecc) così da evitare “pericolose” intrusioni
  • Collegamenti tra gruppi. Per rafforzare ulteriormente il ruolo dei gruppi nella costituzione e nel rafforzamento di comunità locali (e virtuali), gli amministratori potranno promuovere tra gli iscritti del loro gruppo le attività di gruppi affini o simili. Si tratta, ha specificato Zuckerberg, solo della prima mossa per aiutare le comunità e le sottocomunità ad avvicinarsi sempre di più

TAG:

Ti raccomandiamo