Google-self-driving-car Fonte foto: Wikipedia
TECH NEWS

Google mette da parte lo sviluppo della sua auto senza pilota

Il colosso di Mountain View, dopo molti anni e sforzi, rinuncia a realizzare la sua auto a guida autonoma da sola e cerca partnership solide

Google – secondo informazioni da diffuse dal sito The Information – sta rivalutando i suoi piani per sviluppare un’auto senza pilota. Non ha completamente rinunciato all’idea, ma preferisce collaborare con qualche casa automobilistica più “convenzionale” in modo da lanciare i primi modelli entro la fine del prossimo anno.

La scelta è ricaduta, al momento, su Fiat Chrysler che sta producendo il nuovo prototipo di un veicolo senza pilota per Google usando come base il minivan Pacifica. Se i test dovessero ottenere il successo sperato, quest’auto sarà usata per un eventuale servizio commerciale. Le due aziende hanno già firmato un accordo di partnership per sviluppare insieme minivan a partire dal mese di maggio. Si tratta, più o meno, della stessa strategia annunciata da Apple qualche mese fa quando aveva accantonato il suo progetto Titan per realizzare un’auto elettrica senza guidatore preferendo concentrarsi solo sulla tecnologia e lasciando la realizzazione vera e propria ad aziende del settore.

C’è chi ci credeva

Si dice che dietro questa decisione ci siano il CEO Larry Page e il suo direttore finanziario Ruth Porat che, dopo anni di investimenti, hanno realizzato che produrre da soli un’auto senza pilota era impossibile. Si tratta di una scelta non condivisa da tutti coloro che fanno parte del progetto Google X – conosciuto come “Chauffeur” – di cui fa parte anche Sergey Brin, l’altro co-fondatore di Google. Il colosso di Mountain View non ha ancora rilasciato una dichiarazione ufficiale sul futuro del progetto atteso tra qualche giorno.

Ti raccomandiamo