smartphone-letto Fonte foto: Shutterstock
HOW TO

4 modi per smettere di dormire con lo smartphone sul comodino

Usare lo smartphone poco prima di addormentarsi oppure lasciarlo sul cuscino o sul comodino può ledere la qualità del nostro riposo, ecco come rimediare

Ammettiamolo, spesso e volentieri prima di andare a dormire diamo un’ultima controllata allo smartphone e poi lo appoggiamo sul comodino vicino a noi. Quest’abitudine può disturbare il nostro sonno e intaccare la qualità del riposo. Vediamo allora quattro metodi per smettere di dormire vicini allo smartphone.

Perché tenere lontano lo smartphone dal nostro comodino e perché evitare di usarlo appena prima di dormire? Innanzitutto perché le luci blu emesse dallo schermo dello smartphone affaticano la nostra vista e impediscono al cervello di rilassarsi in maniera corretta disturbando la qualità del sonno. In secondo luogo è meglio tenere lontano lo smartphone mentre dormiamo per via delle radiazioni. Non c’è nessuna controprova che le radiazioni del  dispositivo possono essere seriamente pericolose per la vostra salute, ma sicuramente disturbano il riposo. Perciò è meglio mantenere lo smartphone il più lontano possibile dal letto.

Modalità notturna

Una tecnica potrebbe essere quella di utilizzare la modalità Notturna, già presente su iPhone e ora in arrivo anche su Android Nougat. Ma lo smartphone andrebbe comunque allontanato dal cuscino o dal comodino prima di addormentarsi. Inoltre, controllare i social in maniera continua prima di dormire può riattivare il cervello a discapito della stanchezza fisica e impedirci di prendere sonno in fretta. Se il telefono a portata di mano però, è una vostra abitudine anche di notte, vediamo come porre rimedio.

La sveglia

Molti tengono lo smartphone sul comodino perché utilizzano la funzione della sveglia. Questo è lecito, se proprio non volete comprare una sveglia, ma non c’è bisogno di tenere lo smartphone sul comodino, potremo metterlo da un’altra parte nella stanza, lontano dal letto. Questo ci darà tre vantaggi. Uno, diminuiremo le radiazioni ricevute. Due, eviteremo che le notifiche delle varie app che usiamo ci sveglino inutilmente nel cuore della notte. Punto terzo, e forse anche il più importante, per spegnere la sveglia dovremo per forza alzarci dal letto e in questo modo eviteremo di impostare continui posponi e fare ritardo.

Chiamate e messaggi d’emergenza

Molti di noi silenziano il cellulare la notte per evitare di essere disturbati da notifiche e messaggi. Ma se arrivasse una chiamata d’emergenza? Non c’è problema basta attivare la Modalità Non Disturbare. Questa è disponibile sia su iPhone che negli ultimi smartphone Android. La funzione disattiva tutte le notifiche e gli avvisi dei vari messaggi o della posta elettronica, così come le chiamate in entrata. A eccezione di alcuni contatti importanti che programmeremo prima di andare a dormire. Per attivarla su dispositivi iOS basta andare Impostazioni e poi su Modalità Non Disturbare. Qui è possibile programmare gli orari dove attivarla, in quali giorni e decidere i contatti che attiveranno la suoneria. Stesso discorso su Android. Anche qui basta andare su Impostazioni e poi sulla voce Modalità Non Disturbare. In dispositivi che girano con una versione Android 5.0 o superiore si potrà impostare questa funzione direttamente dai tasti del volume.

Musica prima di andare a dormire

Molte persone sono abituate ad ascoltare della musica o un audiolibro prima di addormentarsi. Se siete tra queste il consiglio è quello di farlo con delle cuffie Bluetooth, in modo da evitare le radiazioni dello smartphone o le luci blu dello schermo pochi istanti prima di addormentarsi. In questo modo il telefono potrebbe restare anche fuori dalla stanza, tanto quasi tutte le cuffie Bluetooth funzionano con un raggio medio di 10 metri. Esistono delle cuffie pensate proprio per questi casi e sono chiamate SleepPhones. Ma se non si vuole spendere troppo per delle cuffie da usare prima di andare a dormire o per rilassarsi a letto il pomeriggio, potrebbero bastare delle semplici cuffie Bluetooth economiche.

I casi estremi

Se però la vostra dipendenza da smartphone vi porta ad addormentarvi mentre giocate, mentre navigate sui vari social o mentre rispondete all’ultima email di lavoro, la soluzione da prendere è più drastica. Scegliamo un angolo della casa che dedicheremo solo allo smartphone, adibito con caricatore e connettori vari. Prima di andare a letto lasceremo in questo spazio il telefono e ci coricheremo senza riprenderlo. È meglio decidere un posto fuori dalla camera da letto. Per evitare di sentire notifiche e alzarci per la curiosità. Se siete dei veri dipendenti da smartphone questa è l’unica soluzione per rendere la vostra vita libera dagli smartphone.

Ti raccomandiamo