Libero
google stadia Fonte foto: Google
VIDEOGIOCHI

Il cimitero si allarga: Google chiude un altro servizio

Stadia chiude a gennaio 2023, Goolge promette di rimborsare sia i giochi che l'hardware, ma a breve arriverà una nuova interfaccia utente sulla piattaforma

Nonostante sia sul mercato da meno di tre anni, Google ha deciso di chiudere definitivamente Stadia. La chiusura della piattaforma di cloud gaming non sorprende, dato che il successo sperato dal colosso di Mountain View non è mai arrivato, come ha confermato Phil Harrison, vicepresidente e direttore generale di Stadia. La tecnologia alla base di Stadia non morirà, ma la piattaforma sì.

Stadia chiude: quando e perchè

Google chiuderà Stadia il 18 gennaio 2023, dando ai giocatori qualche mese in più per giocare in streaming. Secondo Phil Harrison, tuttavia, la tecnologia sottostante alla piattaforma di cloud gaming sarà usata in altri servizi dell’azienda, tra cui YouTube, Google Play e AR: "Sebbene l’approccio di Stadia ai giochi in streaming per gli utenti sia stato messo appunto su una forte base tecnologica, non è riuscito comunque a conquistare l’interesse che ci attendevamo – spiega il manager – quindi abbiamo preso la difficile decisione di chiudere il nostro servizio".

Il manager, oltre a ringraziare i gamer che si sono dedicati a Stadia, assicura che la società rimborserà gli acquisti di hardware Stadia attuati attraverso Google Store oltre a tutti i giochi e i contenuti acquisiti su sullo store della piattaforma.

Phil Harrison garantisce che i giocatori potranno entrare nella loro libreria e a giocare "fino al 18 gennaio 2023, in modo da poter completare le sessioni di gioco finali. Prevediamo che la maggior parte dei rimborsi sarà completata entro metà gennaio 2023".

Il dato curioso è che Stadia ieri ha ricevuto una nuova interfaccia utente per desktop che, secondo il community manager della piattaforma, verrà lanciata per tutti gli utenti nelle prossime settimane. La novità potrebbe essere considerata come l’ultimo regalo che Google ha voluto dare alla sua piattaforma di cloud gaming prima di condurla nel popolato cimitero dei prodotti dell’azienda.

Google Stadia: cos’è

Rilasciata il 19 novembre 2019, Stadia è (è stato) un servizio progettato per chi ama giocare, ma permette di farlo in streaming su qualsiasi device supportato: smartphone, Chromecast, Smart TV, tablet e computer. Con Stadia, il gamer non ha bisogno di dover installare il gioco su un dispositivo, né di comprare una costosa console di ultima generazione, dato che la piattaforma è una sorta di console virtuale in cui l’hardware in realtà è nei datacenter di Google.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963