Libero
Un mese senza falciare i prati: ecco perché fa bene all'ambiente Fonte foto: 123RF
SCIENZA

Un mese senza falciare i prati: ecco perché fa bene all'ambiente

Il movimento "No Mow May" chiede ai proprietari di casa e alle amministrazioni locali di non falciare i prati, per spingere la biodiversità e gli impollinatori

Ogni anno, intorno a questo periodo, arriva il giorno che i proprietari di casa con giardino temono di più: quello in cui devono tirare fuori dal garage il tagliaerba, munirsi di guanti e passare ore sotto al sole cocente. Tutto questo per non avere una giungla sotto casa, ma un giardinetto carino ed elegante, uno di quelli che conosciamo come “all’inglese".

E se invece vi dicessimo che la moda del momento è lasciar crescere l’erba del prato, e che fa anche molto bene all’ambiente?

Il movimento “No Mow May"

Nasce nel Regno Unito nel 2019 da un’organizzazione benefica che si chiama Plantlife, ma ora si è diffuso in decine di città partecipanti negli Stati Uniti e in tutto il mondo: è il movimento “No Mow May", in italiano “Maggio Senza Falciatura". Lasciando inalterati i loro prati, che di solito invece puliscono, i proprietari di casa mirano a far crescere specie vegetali che sono in netto declino negli spazi urbani, ma soprattutto ad aiutare le api e gli altri impollinatori a diffondersi in primavera. Un toccasana per l’ambiente: soprattutto nelle grandi città, dove di spazio verde ce n’è sempre meno e dove lo smog impedisce alle api di sentire l’odore dei fiori.

Ma il No Mow May non si ferma solo ai giardini privati: anche le amministrazioni locali e le imprese stanno contribuendo, ripensando le loro pratiche paesaggistiche negli spazi verdi urbani per promuovere la biodiversità.

Lasciando le piante e l’erba libere di crescere, il movimento mira a fornire agli insetti impollinatori “calorie facili e veloci" nel momento in cui emergono dai loro territori di svernamento, cosa che avviene tipicamente in primavera. Non ovunque, però: in alcune regioni potrebbe essere necessario spostare il periodo di divieto di sfalcio di qualche mese, a seconda di come il clima influisce sulle abitudini stagionali delle specie – una sorta di “No Mow March", per esempio.

Il ruolo degli impollinatori

Gli impollinatori – quindi api, farfalle, vespe e alcuni coleotteri – sono essenziali per le piante autoctone, che nel corso dei millenni si sono evolute dipendendo da questi insetti per la semina e la fioritura. Questi animali svolgono anche un ruolo importante nella vita degli esseri umani: tanta frutta, ma anche noci, verdure e oli, oltre a carne e latticini, dipendono in qualche modo dagli insetti per la coltivazione.

Per aiutarli nel loro lavoro, non tagliare l’erba per un mese all’anno è un buon punto di partenza, ma non basta: Susannah Lerman, ricercatrice della Northern Research Station del Servizio Forestale degli Stati Uniti, ha studiato come la frequenza di taglio dei prati influisca sull’abbondanza e sulla diversità delle api. La sua ricerca ha rilevato che i giardini tagliati ogni due settimane presentano la più alta presenza di api. Ma i prati che non sono effettivamente usati ogni giorno potrebbero essere lasciati crescere liberamente, per aiutare la biodiversità.

Oltre a lasciare i campi liberi di crescere a loro piacimento, un altro accorgimento importante potrebbe essere quello di piantare specie diverse, ma native. In Germania, per esempio, si sono inventati dei giardini urbani costruiti apposta per le api.

TAG:

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963