Libero
SICUREZZA INFORMATICA

Attenti alla truffa del buono Shein da 500 euro

Grande circolazione per una truffa semplice, ma sempre efficace: Shein costretta a smentire sui social l'esistenza di buoni regalo da 500 euro

Truffa che vince, non si cambia. Il detto non era esattamente così, ma il concetto è proprio quello: è tornata a girare, tramite email, social e WhatsApp, una vecchia truffa che da sempre funziona benissimo. Stiamo parlando della truffa del buono Shein da 500 euro, che si è dimostrata negli anni una delle più efficaci (per i truffatori, ovviamente) anche grazie alla notorietà del brand sfruttato. Brand che, per proteggere i suoi clienti più affezionati, ha già pubblicato un messaggio ufficiale in cui invita a non cascare nel raggiro.

Come funziona la truffa del buono Shein

La truffa del buono Shein si basa principalmente sul fatto che l’ecommerce cinese è un brand noto e con decine di milioni di utenti-acquirenti nel mondo. Moltissime persone, quindi, già ricevono email e messaggi da parte di Shein o via email, o tramite app.

Questo permette ai truffatori, molto spesso, di scavalcare il primo muro di indifferenza e/o diffidenza da parte della potenziale vittima. La truffa, infatti, parte da un messaggio inviato tramite email, pubblicità sui social o catena su WhatsApp. Il messaggio contiene un link ad un sito, dove avviene la truffa vera e propria.

Il sito è una buona imitazione del sito ufficiale di Shein, ma composto da una sola pagina in cui si annuncia “un concorso speciale estivo” al quale si partecipa svolgendo un rapido questionario, al termine del quale ci sarà la possibilità di vincere una carta regalo Shein da 500 euro.

In alcune varianti della truffa il sondaggio viene sostituito da un gioco a premi: gli ormai classicissimi “pacchi” da aprire che, guarda caso, alla fine contengono sempre il premio.

A fine sondaggio, o a fine gioco, l’esito è sempre lo stesso: “Complimenti, hai vinto“, ora inserisci i dati della carta di credito per ricevere il premio. La truffa vera e propria, infatti, avviene in questo momento: quando l’utente inserisce i propri dati per incassare i 500 euro promessi, infatti, in realtà non lo fa all’interno di un sito protetto, di un circuito di pagamento ufficiale.

Per di più, cosa che non ha senso visto che l’utente non deve pagare ma solo ricevere, i truffatori chiedono anche il codice CVV della carta. Con nome, cognome, numero e CVV della carta in mano i truffatori possono procedere immediatamente a svuotare il conto collegato, pagando acquisti online con la carta che il titolare gli ha appena regalato.

Shein non c’entra nulla

Questa truffa è talmente tanto diffusa nelle ultime settimane che Shein Italia è stata costretta a pubblicare, sui suoi profili social, un messaggio ufficiale: “Cari clienti: avvertimento sulla truffa di carte regalo false in circolazione sui social“.

Shein spiega che non c’entra nulla con tutto questo raggiro, che contatta i suoi clienti solo tramite i suoi account ufficiali o email inviate da caselle di posta @shein.com o @sheingroup.com.

Shein spiega anche che non chiede mai il pagamento tramite app di pagamento mobile, non chiede mai di pagare per partecipare a iniziative. L’ecommerce invita anche a non avere fretta: “cercate i segnali di phishing e verificate l’identità del mittente“.