non-sicuro Fonte foto: Shutterstock
SICUREZZA INFORMATICA

Chrome, cosa vuol dire l'etichetta "Sito non sicuro"?

Nel nuovo aggiornamento del browser, Google renderà ancora più semplice capire quando stiamo navigando su un sito non sicuro che non usa il protocollo HTTPS

25 Luglio 2018 - Nuova versione di Chrome in arrivo con importanti novità sul fronte della sicurezza informatica. Gli uomini di Big G, come già accennato in passato, renderanno ancora più semplice capire quando un sito che si sta per visitare non è sicuro.

Cosa intende Google per siti non sicuri? Semplice, tutti i portali che non usano il protocollo HTTPS e che, quindi, non proteggono con la crittografia i dati sensibili inseriti dagli utenti quando li visitano. In pratica per Google non sono sicuri tutti i siti HTTP che permettono in teoria a un cyber criminale di spiare i nostri dati online. Con la versione 69 di Chrome, i siti non sicuri verranno contraddistinti da un’etichetta che riporterà appunto la scritta “Sito non sicuro”. L’etichetta potrebbe essere caratterizzata da un simbolo circolare con la “i” di informazioni al suo interno oppure dal simbolo del pericolo in rosso quando digitiamo delle informazioni riservate su siti senza protocollo HTTPS.

Cosa fare sui siti non sicuri

L’avviso di Google per i siti non sicuri arriverà a settembre 2018 e, per precisa scelta degli sviluppatori, sarà particolarmente visibile Si troverà nella barra degli indirizzi, prima della URL del sito che si sta visitando: in questo modo sarà impossibile o quasi non vederlo.

Ma cosa dovremo fare su un sito Internet che non usa questo protocollo se Google Chrome ci avvisa? Niente panico, si tratta di un’informazione per la nostra sicurezza ma non di una minaccia hacker in corso. Come vediamo di essere su un sito non protetto non dobbiamo subito scappare via, l’importante è ricordarci di non inserire informazioni riservate su questi particolari siti non sicuri. Se Google Chrome ci avvisa di un sito senza HTTPS, quindi, evitiamo di inserire email e credenziali varie: un hacker potrebbe rubarcele più facilmente di quanto possiate immaginare.

Contenuti sponsorizzati