Libero
SCIENZA

E se su come si sono estinti i dinosauri ci fossimo sempre sbagliati? La nuova teoria

Secondo un recente studio, l'asteroide Chicxulub non sarebbe l'unico responsabile dell'estinzione dei dinosauri: ecco cosa ipotizza la nuova teoria.

Un tempo, la Terra era abitata da enormi creature, che vennero spazzate via da un evento cataclismatico: stiamo parlando dei dinosauri, che si sono estinti circa 66 milioni di anni fa lasciando spazio allo sviluppo dei mammiferi e, di conseguenza, dei nostri antenati. Cosa sappiamo sulla loro estinzione? Abbiamo sempre creduto che fosse avvenuta a causa del violento impatto di un asteroide sul nostro pianeta, ma una nuova ricerca fa luce su un aspetto inedito di questo fondamentale tassello della storia della Terra.

La nuova teoria sull’estinzione dei dinosauri

Un team di ricercatori della McGill University ha condotto un interessante studio, pubblicato su Science Advances, nel tentativo di capire se i dinosauri si siano estinti davvero a causa dell’asteroide o se, in aggiunta, vi siano stati ulteriori fenomeni a mettere in pericolo la loro esistenza. Gli scienziati hanno dunque concentrato la loro attenzione su una lunga serie di potenti eruzioni avvenute presso i Trappi del Deccan, una delle aree vulcaniche più estese al mondo. Questa regione, situata nella parte centro-occidentale dell’India, è costituita quasi interamente da colate di basalto solidificato.

L’ipotesi di partenza consisteva nel fatto che questi vulcani, eruttando milioni di chilometri cubi di lava circa 200mila anni prima dell’estinzione dei dinosauri, avrebbero potuto essere responsabili di un repentino calo globale della temperatura, rendendo dunque il clima instabile per la sopravvivenza di queste creature. Gli esperti hanno raccolto numerosi campioni di roccia dall’Altopiano del Deccan, analizzandoli in laboratorio per poter così stimare la quantità di zolfo e fluoro immessa nell’atmosfera dalle eruzioni vulcaniche.

Che cos’è l’inverno vulcanico

“La nostra ricerca dimostra che le condizioni climatiche erano quasi certamente instabili, con ripetuti inverni vulcanici che avrebbero potuto durare decenni. Questa instabilità avrebbe reso la vita difficile a tutte le specie viventi e avrebbe posto le basi per l’estinzione dei dinosauri” – ha spiegato Don Baker, professore di Scienze Planetarie e della Terra presso la McGill University. Ma che cos’è un inverno vulcanico? A seguito di violente e ripetute eruzioni, ceneri e vapori sulfurei si accumulano nella stratosfera, schermano le radiazioni solari e provocando un notevole abbassamento delle temperature in tutto il mondo.

Il susseguirsi di inverni vulcanici e il raffreddamento della Terra avrebbero dunque reso quasi invivibile il nostro pianeta, e l’asteroide avrebbe dato solamente il cosiddetto “colpo di grazia” ai dinosauri, portandoli repentinamente all’estinzione. Questa nuova teoria è molto importante, perché capire cosa sia davvero successo 66 milioni di anni fa potrebbe fare chiarezza sul modo in cui i mammiferi presero il sopravvento sul mondo, sviluppandosi a tal punto da dare origine ai nostri più antichi progenitori – e quindi alla vita umana.

Le altre teorie

Questa non è la prima volta che alcuni scienziati mettano in discussione l’ipotesi dell’asteroide come unica causa dell’estinzione dei dinosauri. Gli autori di un recente studio pubblicato su Nature, ad esempio, hanno ipotizzato che l’asteroide, nell’impattare sulla Terra, avrebbe potuto rilasciare polveri finissime che sarebbero rimaste in sospensione nell’atmosfera per molti anni, abbassando le temperature – proprio come potrebbe accadere durante un inverno vulcanico. L’unica cosa certa, attualmente, è che il mistero dei dinosauri e della loro improvvisa scomparsa continua ad essere uno dei più affascinanti di sempre.