Libero
SCIENZA

Pescata una creatura "aliena" con 20 tentacoli nell'Antartico

Un team di ricercatori ha scoperto una specie davvero inquietante nelle profondità dell'Oceano Antartico, che sembra uscita da un film di fantascienza.

Sembra una creatura “aliena” e invece è più terrestre che mai. I ricercatori Emily McLaughlin, Nerid Wilson e Greg Rouse hanno pubblicato un’interessante scoperta sulla rivista scientifica Invertebrate Systematics il mese scorso, presentando al mondo uno degli animali più strani che avessero mai visto. Si tratta di una nuova specie, che hanno ribattezzato Promachocrinus fragarius e che ha dell’inquietante con i suoi 20 tentacoli e il corpo con una forma simile a quella di una fragola.

Nuova specie nell’Oceano Antartico, l’eccezionale scoperta

Come anticipato, i fautori di questa eccezionale scoperta sono i ricercatori Emily McLaughlin, Nerid Wilson e Greg Rouse, impegnati da tempo in un’attenta esplorazione dell’Oceano Antartico dove hanno effettuato diversi viaggi tra il 2008 e il 2017, alla ricerca di specie marine “criptiche” chiamate Promachocrinus o stelle piuma antartiche. Proprio Rouse, professore di biologia marina all’Università della California, ha scattato delle immagini che hanno dell’incredibile, perché questa creatura ha tutto l’aspetto di un essere “alieno” che nuota nelle profondità più oscure con i suoi 20 tentacoli e la sua forma decisamente particolare.

La scoperta è stata pubblicata sulla rivista Invertebrate Systematics nel mese di luglio e il nome scientifico della nuova specie è Promachocrinus fragarius. Questo animale appartiene alla classe dei Crinoidea che comprende a sua volta stelle marine, ricci di mare, dollari della sabbia e cetrioli di mare ed è un tipo di stella piumata, da cui il nome meno formale di “stella di piume antartica”. Fragarius deriva, invece, dalla parola latina fragum che letteralmente significa “fragola”, per via della forma insolita di una protuberanza che si trova proprio all’apice delle “braccia aliene”.

Com’è fatta la stella piumata di fragola antartica

Nello studio i ricercatori descrivono con molta cura le caratteristiche della stella di piume antartica o stella piumata antartica, creatura davvero sui generis. Come spiegato dal dottor Rouse, gli esemplari possiedono fino a 20 braccia o tentacoli, alcune delle quali irregolari e altre piumate, che possono raggiungere una lunghezza di circa 20 centimetri e hanno un colore che varia da “violaceo” a “rossastro scuro”. Inoltre possono vivere ovunque tra i 65 e i 1.170 metri di profondità, circa.

A un primo sguardo non si nota la somiglianza con la fragola, a cui invece fa riferimento il nome scelto dal team di ricerca, ma è zoommando sul corpo che appare evidente. All’apice dei tentacoli c’è, infatti, una protuberanza che ricorda appunto le dimensioni e la forma del frutto, ma non finisce qui.

Il dottor Rouse ha detto in un’intervista che originariamente era stata identificata soltanto una specie appartenente al gruppo delle stelle piumate antartiche, il Promachocrinus kerguelensis, ma durante questi anni di ricerche con il suo team di ricercatori è riuscito a identificarne altre quattro. Trovare specie tanto bizzarre a simili profondità non è un evento così raro, ma l’ambiente e le condizioni non proprio semplici rendono estremamente complicato il prelevamento di campioni o la realizzazione di immagini che possano permettere una analisi diretta e più approfondita. Rouse si impegna da tempo in tal senso, impiegando risorse e professionisti nel suo laboratorio presso la Scripps Institution of Oceanography dell’Università della California.

La tua nuova auto con il noleggio a lungo termine

Libero Annunci

Libero Shopping