Libero
SCIENZA

Ritrovamento record, un esemplare di falena così grande non si era mai visto

Appartiene alla specie chiamata Atticus Atlas, e ha un'apertura alare impressionante: le autorità hanno chiesto ai cittadini di segnalare ogni avvistamento

La natura è costantemente in grado di sorprenderci: se è sempre più raro trovare specie animali nuove, ogni tanto invece salta fuori un esemplare particolare di una specie che conosciamo già. Uno con colori particolari, con uno specifico adattamento al cambiamento del suo habitat, o di dimensioni record: è quest’ultimo il caso della falena ritrovata negli Stati Uniti.

Una falena da record

Siamo negli Stati Uniti, e in particolare a Bellevue, un sobborgo di Seattle che si trova sulla costa orientale del Paese. Qui un professore dell’Università di Washington ha avvistato una falena dalle dimensioni davvero incredibili, e lo ha segnalato alle autorità.

Il Dipartimento dell’Agricoltura ha quindi confermato l’avvistamento, e ha controllato le dimensioni dell’animale: ha un’apertura alare di 25,4 centimetri, un vero record. Nello specifico si tratta di una falena cobra, o atlante (il nome scientifico è Attacus atlas) – e, dettaglio ulteriore, è anche la prima volta che viene avvistata negli Stati Uniti: è proprio vero che gli americani fanno tutto in grande, quindi, come nel caso di questo pitone da record.

"È un esemplare davvero straordinario, che cattura l’attenzione anche di chi di solito non è interessato agli insetti" spiega Sven Spichiger, entomologo del Dipartimento dell’Agricoltura. "Uno di quelli che nel linguaggio comune chiamiamo ‘insetti wow’, proprio perché è enorme". Per le autorità questo in realtà è un vantaggio, perché è necessario che le persone prestino attenzione, per poter mappare la popolazione e scoprire se ci sono altri esemplari (e magari di queste stesse dimensioni) negli Stati Uniti – anche perché non esistono trappole per poter catturare le falene, e quindi gli occhi dei cittadini sono gli strumenti migliori: questi animali non sono un pericolo per la salute o la sicurezza pubbliche.

Cosa sappiamo della falena atlante

Ritrovare questa specie in particolare negli Stati Uniti è una sorpresa: si tratta infatti di un animale che vive nelle foreste tropicali, e gli esperti non sono sicuri che possa sopravvivere in un clima come quello dello stato di Washington, che si trova a nord, praticamente al confine con il Canada. Il suo habitat naturale è molto lontano: in Malaysia e in Thailandia. Da quelle parti, in Cambogia, è invece stato pescato un autentico mostro delle acque.

È conosciuta sia come falena atlante che come falena cobra. Il perché di questo secondo nome è presto spiegato: il suo colore e il disegno sulle sue ali ricorda molto quello sulla pelle di questo particolare serpente.

È molto importante che eventuali esemplari negli Stati Uniti vengano segnalati in fretta alle autorità, perché la vita di questa falena è molto breve: dura soltanto pochi giorni, di cui uno interamente dedicato all’accoppiamento, da cui possono nascere fino a 200 uova. La falena, come altri animali simili (tra cui la lucciola), non si nutre, ma consuma tutte le riserve che ha immagazzinato quando era una larva. Quella che è molto lunga, invece, è la vita dei bruchi: dura fino a 90 giorni, a cui vanno sommati i 12 passati nell’uovo e i 60 in cui sono chiusi nella crisalide da cui poi uscirà questa maestosa farfalla. La seta del bozzolo viene spesso usata anche nel campo dell’abbigliamento, ed è conosciuta come seta Zagara, un tessuto molto resistente.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963