Libero
SCIENZA

L'assurda storia della nave fantasma rimasta in mare

La nave Dimitrios è stata abbandonata nel lontano 1981 su una spiaggia greca e da quel momento è diventata una vera e propria attrazione

La nave fantasma Dimitrios Fonte foto: iStock

Oltre quattro decenni di mistero assoluto. Quella della nave Dimitrios è forse una delle storie nautiche più affascinanti di sempre, anche perché non c’è ancora nulla di chiaro e non si è capito con precisione cosa sia successo. È una vicenda che va fatta risalire al 23 dicembre del 1981, il giorno esatto in cui questa imbarcazione fu abbandonata per sempre.

Si sta parlando di un mezzo di quasi 70 metri, utilizzato per scopi commerciali e che sfiorava le mille tonnellate di peso. Per scoprire il suo debutto ufficiale, bisogna tornare indietro di altri 31 anni, per la precisione al 1950 quando fu costruita e iscritta nel registro del porto commerciale di Atene. L’appellativo di “nave fantasma” non è affatto azzardato.

Dove si trova la nave Dimitrios

La Dimitrios è stata appunto abbandonata quasi 42 anni fa ed ancora oggi può essere ammirata presso Gythio, in Grecia. Inizialmente il suo nome era un altro, nello specifico Klintholm, ma come ha fatto a finire questo colosso dei mari su una spiaggia non lontana da quella che un tempo era la mitica Sparta? L’ultima fase della sua “vita” non ha alcuna certezza, tra l’altro non si sa nemmeno come venisse impiegata questa nave fantasma. Sembra, ma il condizionale è d’obbligo, che servisse per il contrabbando di sigarette tra il nostro paese e la Turchia.

Le fiamme con cui è stata bruciata nel 1981 sarebbero la conferma della volontà di cancellare questa attività illegale. A contribuire alla formazione di qualche crepa in questa ricostruzione, invece, ci pensa il fatto che da 42 anni nessuna autorità si sia presa la briga di rimuovere una volta per tutte la Dimitrios. Una delle storie che hanno maggiore credibilità è quella raccontata da Christos Ntounis. Il nome fa riferimento a un viceammiraglio che ha spiegato come sul finire del 1980 l’imbarcazione sia stata costretta ad attraccare per un’emergenza. Cosa sarebbe successo di preciso?

Tanti guai e imprevisti per la Dimitrios

In base a questo racconto, il capitano della Dimitrios avrebbe sofferto di gravi condizioni di salute, poi sarebbero subentrati anche problemi di tipo economico per quel che riguarda gli stipendi dei membri dell’equipaggio. Come se non fosse stato abbastanza, la nave fantasma avrebbe avuto problemi al motore e la sua permanenza a Gythio sarebbe appunto durata fino al famigerato 23 dicembre del 1981. A quel punto il mezzo sarebbe stato pronto per la ripartenza, ma ci si sarebbe accorti dell’usura e delle numerose infiltrazioni d’acqua che avrebbero reso pericoloso qualsiasi spostamento. Oggi è diventato un’attrazione turistica a tutti gli effetti.

Una storia così intrigante e misteriosa non poteva che fare da richiamo a un numero crescente di persone interessate a osservare da vicino il relitto. Ogni anno tantissima gente si reca in questa zona della Grecia proprio per trovarsi a tu per tu con la mitica nave Dimitrios, quella che da molti viene considerata una vera e propria emozione. A rendere l’esperienza ancora più speciale ci pensa il mare, visto che le acque della località in cui la barca è stata abbandonata sono tra le più limpide del paese, tanto da rendere irresistibile qualsiasi tuffo.

La tua nuova auto con il noleggio a lungo termine

Libero Annunci

Libero Shopping