Dietro la forma di un uovo c'è un'equazione universale Fonte foto: 123rf
SCIENZA

Dietro la forma di un uovo c'è un'equazione universale

È un passo significativo nella comprensione di come e perché la forma si è evoluta. I ricercatori hanno scoperto una formula matematica che può descrivere qualsiasi uovo di uccello esistente in natura.

La forma delle uova ha attirato a lungo l’attenzione di matematici, ingegneri e biologi per la sua evoluzione nell’essere abbastanza grande da incubare un embrione e abbastanza piccola da uscire dal corpo di un uccello e non rotolare via una volta deposta. L’uovo è strutturalmente abbastanza solido da sopportare il peso del pulcino ed è stato definito la “forma perfetta". I ricercatori dell’Università del Kent, l’Istituto di ricerca per il trattamento dell’ambiente e Vita-Market Ltd hanno scoperto una formula matematica universale che può descrivere qualsiasi uovo di uccello esistente in natura, un’impresa che finora non aveva mai avuto successo.

L’equazione universale che descrive la forma di un uovo

Per l’analisi di tutte le forme di uovo sono state utilizzate quattro figure geometriche: sfera, ellissoide, ovoidale e piriforme (conica o piriforme), con una formula matematica per il piriforme ancora da derivare. Per correggere questo problema, i ricercatori hanno introdotto una funzione aggiuntiva nella formula ovoidale, sviluppando un modello matematico per adattarsi a una forma geometrica completamente nuova caratterizzata come l’ultimo stadio nell’evoluzione della sfera-ellissoide, applicabile a qualsiasi geometria dell’uovo.

Questa nuova formula matematica universale per la forma dell’uovo si basa su quattro parametri: lunghezza, larghezza massima, spostamento dell’asse verticale e diametro a un quarto della lunghezza dell’uovo. La scoperta rappresenta un passo significativo nella comprensione non solo della forma, ma anche di come e perché si è evoluta, rendendo così possibili applicazioni biologiche e tecnologiche. Per esempio questa nuova equazione può essere applicata alla costruzione ingegneristica di vasi a parete sottile a forma di uovo, che dovrebbero essere più forti di quelli sferici tipici.

Con la descrizione dell’uovo tramite una formula matematica si semplifica il lavoro nei campi della sistematica biologica, dell’ottimizzazione dei parametri tecnologici, dell’incubazione e della selezione del pollame. Ma può essere utile anche per progettare sistemi ingegneristici e tecnologie all’avanguardia oltre che in architettura per individuare quanto carico una struttura ovoidale può supportare con un consumo minimo di materiali. "I processi evolutivi biologici come la formazione delle uova devono essere studiati matematicamente come base per la ricerca in biologia evolutiva – ha detto Darren Griffin, professore di genetica all’Università del Kent e uno degli autori della ricerca. La nuova "formula universale può essere applicata a discipline fondamentali, in particolare all’industria alimentare e avicola, e servirà da impulso per ulteriori indagini ispirate all’uovo come oggetto di ricerca", ha spiegato lo studioso.

Invece in Israele gli archeologi hanno trovato un uovo di mille anni che hanno rotto per sbaglio.

Stefania Bernardini

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963