Libero
macbook pro Fonte foto: Alexey Boldin / Shutterstock.com
TECH NEWS

Google sta portando Chrome OS sui Mac

Grazie a Chrome OS Flex anche chi ha un Mac può provare un nuovo sistema operativo: gli basta una chiavetta USB avviabile

Allungare la vita a un Pc, laptop o a un Mac è diventata una necessità: soprattutto con la crisi della disponibilità della componentistica elettronica. E inoltre, se la Pandemia ci ha insegnato qualcosa è che durante i lunghi mesi di lockdown, tra Dad (didattica a distanza) e smartworking, non tutti hanno avuto accesso alle risorse online a causa di device obsoleti. Google, prova a colmare questo gap proponendo l’accesso anticipato a una nuova versione di Chrome OS chiamata Chrome OS Flex, pensata per aziende e scuole e progettata per funzionare sui vecchi PC e Mac.

Il sistema operativo può essere installato "in pochi minuti": Google praticamente ha reso Chrome OS Flex identico a Chrome OS, che già gira su tutti i Chromebook, partendo da CloudReady, la soluzione sviluppata da Neverware (azienda comprata da Google a fine 2020). Il nuovo sistema operativo Flex è costruito sulla stessa base di codice e segue la stessa cadenza di rilascio di Chrome OS. La risposta dipende però dalle componenti hardware, per cui qualcosa potrebbe funzionare e qualcos’altro no. Ma questa caratteristica flessibile, appunto Flex, è esattamente l’obiettivo di Google: far sì che un sistema operativo si adatti, come un abito su misura, alla tipologia di computer su cui viene installato.

Google Chrome OS Flex: come nasce

Google nel 2020 ha acquisito Neverware, ossia la società che ha sviluppato CloudReady, un sistema operativo basato su Chromium OS che può essere installato su una chiavetta USB avviabile. Negli ultimi due anni gli ingegneri di Mountain View hanno lavorato per integrare i vantaggi di CloudReady in una nuova versione di Chrome OS.

Il risultato è proprio Chrome OS Flex, versione del sistema operativo di Google che, a differenza di Chrome OS standard, si adatta anche ad essere eseguito sui Mac.

Chrome OS Flex: un sistema cloud-first

Il nuovo sistema operativo è veloce, facile da gestire e sicuro per PC e Mac, scaricabile gratuitamente e completamente compatibile perché si basa sul cloud, non sul computer sul quale gira. Chrome OS Flex si avvia in pochi secondi e non rallenta nel tempo, gli aggiornamenti di sistema avvengono in background e non ci sono tempi di inattività.

Con Chrome OS Flex, poi, non c’è bisogno di antivirus. Grazie agli aggiornamenti regolari si ottiene una protezione integrata contro virus, ransomware e phishing. Le app girano nel cloud, non sul computer dell’utente, ed è usata la sandbox per separare dati, app e sistema operativo.

Infine il responsabile della rete può anche prevenire la perdita di dati sui dispositivi smarriti o rubati con la cancellazione remota. Esattamente come CloudReady, anche Chrome OS Flex si installa e si esegue tramite chiavetta USB avviabile.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963