Libero
stranger things Fonte foto: Netflix
TV PLAY

Stranger Things ha un grosso problema

Gli attori protagonisti appaiono già eccessivamente cresciuti. Ma i creatori della serie hanno trovato una soluzione per la quinta stagione

Ammettiamolo, il dubbio è venuto a tutti gli spettatori: i protagonisti di Stranger Things non sono diventati ormai un po’ troppo grandi per interpretare in modo credibile la parte di studenti quattordicenni o quindicenni? Il problema è evidente e anche i creatori della serie hanno deciso di affrontarlo.

Ovviamente è normale che le serie tv più longeve durino anni e che nel frattempo gli attori e le attrici del cast invecchino, ma in genere questo non è un problema: le differenze nell’aspetto non sono poi così evidenti e, anche se fosse, il make-up professionale risolve la questione. Diverso è il caso degli interpreti principali di Stranger Things, ovvero Undici, Will, Mike, Dustin e Lucas, che dall’inizio della serie (quando avevano circa 12 anni) a oggi hanno attraversato la fase più trasformativa della crescita: l’adolescenza. Innegabilmente, oggi non sono né sembrano più i bambini di un tempo!

Quanti anni ha l’attrice che interpreta Undici

Millie Bobbie Brown, l’attrice che interpreta Undici, è l’esempio perfetto. Classe 2004, quando Stranger Things ha esordito nel 2016 aveva 12 anni, esattamente come la protagonista di cui veste i panni. Quella prima stagione era ambientata nel 1983, mentre la seconda, uscita nel 2017, si svolgeva nel 1984. La terza stagione, ambientata nel 1985, è uscita nel 2019.

A causa dei ritardi causati dalla pandemia, la prima parte della quarta stagione è uscita solo lo scorso 27 maggio 2022 su Netflix. Il volume 2, composto dai due episodi finali, è atteso per il 1° luglio. Eppure, in Stranger Things 4 siamo nel 1986 e i fatti narrati avvengono soltanto sei mesi dopo quelli della terza stagione. Undici ha dunque 15 anni, mentre Millie Bobbie Brown, ormai maggiorenne, è diventata una splendida giovane donna.

Lo stesso discorso vale anche per gli altri protagonisti della serie, all’incirca coetanei di Brown: tutti, in questa quarta stagione, sembrano eccessivamente cresciuti rispetto agli eventi raccontati, tenendo conto appunto del fatto che nella finzione sono passati solo sei mesi dall’ultima volta che li abbiamo visti sul piccolo schermo.

Stranger Things: ci sarà un salto temporale

Il problema dell’adolescenza dei protagonisti diventerebbe ancora più evidente nella quinta e ultima stagione della serie, la cui data di uscita è ancora sconosciuta. Per questo i fratelli Duffer, i creatori, hanno deciso che la trama dovrà necessariamente prevedere un salto temporale in avanti.

«Sono sicuro che faremo un salto temporale. Avremmo voluto girare le stagioni 4 e 5 di seguito, ma non è stato possibile», ha detto Ross Duffer, che insieme al fratello Matt sta ancora ultimando il finale della quarta stagione. Solo in seguito inizieranno a lavorare alla stagione finale. Sul punto non sono stati rilasciati ulteriori dettagli: negli ultimissimi episodi ritroveremo i protagonisti invecchiati di anni, quindi, ma di quanto? Saranno magari già al college?

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963