Libero
SCIENZA

C'è un asteroide che si comporta in modo strano: ecco cosa sappiamo

C'è uno sciame meteorico nel nostro cielo che ha un origine a dir poco inusuale: si tratta delle Geminidi. Gli scienziati della NASA hanno deciso di analizzarle per saperne di più

L’osservazione del cielo è forse l’attività dell’astronomia che più affascina e intriga. Guardare la volta celeste e scandagliarne gli ampi spazi non è solo appagante, ma permette di porsi tutti quei quesiti che diventano il punto di partenza nell’indagine sugli (almeno apparentemente) inspiegabili fenomeni del cosmo. Attualmente, una cospicua quantità di domande riguarda uno specifico asteroide, 3200 Phaethon, per via delle sue caratteristiche insolite.

Scoperto nel 1983, 3200 Phaeton è stato il primo asteroide a essere scoperto utilizzando le immagini di un veicolo spaziale ed è stato classificato come potenzialmente pericoloso per via del suo semiasse orbitale maggiore, più ampio di quello della Terra, cosa che lo porta ad avvicinarsi sensibilmente al pianeta. Ma perché tutti gli scienziati ritengono che si comporti in modo strano?

Le caratteristiche di 3200 Phaeton

Dal momento della sua scoperta a oggi, l’asteroide 3200 è stato oggetto di studi sempre più accurati. Sin da subito, le sue caratteristiche fisiche sono state considerate talmente tanto strane da ribattezzarlo rock comet [cometa di roccia]. Questo perché il suo corpo (del diametro di 5,8 chilometri) è effettivamente roccioso, ma seguendo la sua orbita più da vicino è possibile notare una sorta di "schiarimento" come se sfumasse alla punta.

Questo schiarimento è seguito da una vera e propria coda fatta di polvere e detriti. Fin qui potrebbe suonare quasi normale, se non fosse che proprio da quella coda vengono le Geminidi. Di cosa si tratta? Semplice: di quelle che nel nostro emisfero sono note come stelle cadenti d’inverno. Gli astronomi sono tutti concordi sul dire che si tratta di una tra le piogge di meteore più potenti e luminose che si possano osservare dal pianeta Terra.

L’anomalia delle Geminidi e di 3200 Phaeton

Ora, stando a quello che sostengono gli astronomi, che uno sciame meteorico come quello delle Geminidi possa venire da un asteroide come 3200 Phaeton è davvero incredibile. Le Geminidi sono infatti l’unico sciame ad avere un corpo genitoriale asteroideale: tutti gli altri hanno un’origine cometaria. In più, Phaeton ha un diametro piuttosto contenuto, cosa che rende ancora più insolita la nascita delle Geminidi e il suo comportamento in generale.

La domanda che ancora oggi (e soprattutto nelle ultime settimane, visto che la NASA sta monitorando più da vicino 3200 Phaeton) ossessiona gli scienziati, è una in particolare: come fa questo asteroide a  produrre i meteoroidi che causano le Geminidi? La teoria che fino a qualche anno fa sembrava essere più verosimile era che l’asteroide si fosse separato da un altro corpo celeste e che questa rottura lo abbia portato a espellere detriti. Tuttavia, a un certo punto questo fenomeno avrebbe dovuto esaurirsi, cosa che non è successa. E quindi?

Le nuove teorie e i prossimi studi

Secondo le nuove analisi e i nuovi studi della NASA, è probabile che 3200 Phaeton sia una cometa morta. Dunque, il suo nucleo si sarebbe esaurito ma la produzione dei detriti continuerebbe in maniera in qualche modo "naturale". Questa tesi sarebbe avvalorata dal fatto che poco tempo fa una navicella spaziale della NASA avrebbe osservato l’asteroide "illuminarsi" per via di un rilascio di polvere e gas, dovuto all’avvicinamento di 3200 Phaeton al Sole.

Recentemente, è stato anche osservato che il colore di Phaeton è blu, cosa che effettivamente avvalorerebbe la tesi della cometa morta. I normali asteroidi rocciosi infatti tendono a essere grigi o rossi. Adesso sono in corso ulteriori indagini, ma sembra ormai assodato: è logico che questo asteroide si comporti in maniera strana perché… non è un asteroide!