Libero
SCIENZA

C'è stata una collisione "mostruosa" nello Spazio tra due galassie: ecco cosa è successo

Una fusione tra galassie ammirata nello spazio grazie al telescopio Hubble: ecco cosa sta accadendo

Collisione tra galassie Fonte foto: C'è stata una collisione "mostruosa" nello Spazio

Un’immagine spettacolare proposta ancora una volta dal telescopio spaziale Hubble. Stavolta ci mostra Arp 122, una formazione galattica decisamente particolare, considerando come sia il risultato di due galassie in fusione tra loro, precisamente NGC 6040 e LEDA 59642 (entrambe a una distanza di circa 570 milioni di anni luce dalla Terra).

Una fusione spaziale

È qualcosa di incredibile, quanto ci viene mostrato dal telescopio spaziale Hubble. Vediamo infatti NGC 6040, galassia a spirale inclinata e storta, nel bel mezzo di una collisione con una galassia a spirale rotonda e frontale, LEDA 59642 appunto.

Nessuna potenziale conseguenza per la Terra, sia chiaro, considerando la distanza sicura di 570 milioni di anni luce, circa. Ciò che resta è uno spettacolo invidiabile, da ammirare da tale distanza, che evidenzia ancora una volta le grandiose capacità di Hubble. A completare lo scatto è anche la galassia ellittica NGC 6041, elemento centrale dell’ammasso di galassie in cui rientra anche Arp 122, ma che non prende parte a questa fusione.

Quando si parla di collisioni galattiche, si fa riferimento a degli eventi di proporzioni incredibili. Dinamiche monumentali nello spazio, che però vengono dilatate su un’enorme scala temporale. Sono tremendamente lenti e noi terrestri dovremmo saperne qualcosa.

Non tutti sono a conoscenza, ad esempio, che la Via Lattea è in rotta di collisione con la Galassia di Andromeda, che rappresenta il suo “vicino galattico”. Quando accadrà tutto ciò? L’inizio della fusione vera e propria è stimato tra quattro miliardi di anni.

La stessa collisione non sarà affatto rapida, anzi. Potrebbe richiedere centinaia di milioni di anni per completarsi. Il motivo? Facile spiegarlo: le distanze gigantesche coinvolte in tali processi.

Cosa accade a una galassia in fusione

Nel corso di una collisione galattica, i componenti possono subire dei processi di trasformazione notevoli per quanto concerne le forze gravitazionali che agiscono su di essi. Parliamo di stelle, gas, polvere e, ovviamente, sistemi solari.

Il trascorrere del tempo vede un totale cambiamento realizzarsi nella struttura delle galassie coinvolte, che possono essere anche più di due. Alla fine il risultato potrebbe essere quello di un ritrovato equilibrio, con un’unica galassia, modificata, risultante.

Una collisione, si presume, interrompe processi più complessi delle strutture regolari o ellittiche, che dovrebbero essere gli unici risultati possibili. La ricerca in questo campo non può che avviare ipotesi sulla base dello studio di eventi già completati. In nessun caso, infatti, saremo oggi in grado di veder compiuta la fusione che riguarda Arp 122.

Nel caso specifico, ci si attende una “regolarizzazione” di NGC 6040 e LEDA 59642, che vantano strutture complesse, con bracci a spirale che si avviano dal nucleo. Strutture che potrebbero risultare interrotte, fino a raggiungere una galassia dalla forma regolare o ellittica, come detto.

Si tratta però di ipotesi che non potremo confermare, considerando come la scala temporale della collisione di Arp 122 va ben oltre le nostre aspettative di vita. Dovesse ancora essere tale il sistema di controllo e studio dello spazio, la fase finale sarà visibile soltanto a generazioni di astronomi viventi in un futuro remoto. A noi non resta altro che il fascino indescrivibile della fase iniziale di questo evento.