smarthome Fonte foto: Shutterstock
HOW TO

Cosa succede alla smart home quando non c'è Internet

Cosa succede ai dispositivi smart home quando non manca la connessione a Internet? Tutto dipende dal singolo apparecchio: ecco cosa aspettarti

17 Aprile 2019 - Cosa succede ai tuoi dispositivi smart home quando manca la connessione a Internet? Si trasformano in semplici soprammobili oppure conservano alcune funzionalità? In realtà non c’è un’unica risposta, perché tutto dipende dal singolo apparecchio.

Ogni volta che si installa un dispositivo smart all’interno della propria abitazione è perfettamente normale chiedersi cosa possa succedere nel caso in cui manchi la connessione a Internet. Questi apparecchi infatti funzionano grazie alla rete e conservano informazioni in cloud. Se manca la connessione, la maggior parte delle funzioni si bloccano ed è importante saperlo prima. Questo discorso è fondamentale quando ci si riferisce ai dispositivi critici e vitali, come i termostati e contatori intelligenti, ma anche i rilevatori di fumo e le serrature smart. La buona notizia è che in via di massima funzionano lo stesso, ma perdono alcune caratteristiche che è meglio conoscere.

Interruttori, camere e altri apparecchi smart: come funzionano senza internet?

Iniziamo con le belle notizie. Gli interruttori smart continuano a funzionare anche quando non c’è Internet, ma si attivano in modo tradizionale e non con gli innovativi comandi vocali. Per esempio, alcune lampadine intelligenti, come Philips Hue si accendono e spengono anche senza l’accesso al web, ma non possono in alcun modo essere controllate da remoto.

Lo stesso vale per diverse telecamere a circuito chiuso installate dentro le quattro mura domestiche. Se vengono collegate in cloud ad un’app, basta che la connessione cada per un momento, per perdere le immagini trasmesse. Questo succede, per esempio, con una telecamera di sicurezza domestica intelligente chiamata Nest. Senza Internet non è più possibile guardare alcun video, neanche quelli precedenti. Altre cam collegate in wi-fi gestiscono le proprie registrazioni in modo diverso. Per esempio, il sistema Arlo Pro può registrare video grazie ad un collegamento ad una chiavetta USB che ha una connessione dati. Continuerà a registrare video in cloud, ma se il wi-fi dovesse cadere, il supporto internet si sposta alla pennina USB.

Infine, ci sono le sveglie e i timer intelligenti che fortunatamente funzionano anche senza Internet: sveglieranno l’utente all’ora impostata, senza bisogno di connessione. Naturalmente non servirà a nulla pronunciare il comando vocale “Spegniti” ma bisognerà farlo manualmente.

E i termostati intelligenti?

I termostati fanno parte della categoria “dispositivi vitali” e sono molto importanti per vivere in modo sereno e senza preoccupazioni. In via di massima, un termostato intelligente in mancanza di connessione dovrebbe funzionare come uno tradizionale, e così come per tutti gli apparecchi critici dell’abitazione. Tutte le funzionalità che li rendono “smart” si trasformano subito in “tradizionali” fino a quando non ritorna la rete.

Gli unici dispositivi che diventano praticamente inutili, come soprammobili da spolverare, sono gli Assistenti Digitali, come Amazon Echo e Google Home. Al massimo si può controllare l’assistente vocale del proprio cellulare, se si sfrutta la connessione dati. Insomma, l’assenza di una valida connessione mette a repentaglio la smart home, che perde tutte le peculiarità smart per diventare la classica e tradizionale home a cui siamo abituati.

Contenuti sponsorizzati