Libero
fabbrica intel Fonte foto: Intel
TECH NEWS

Intel ha deciso: nuova fabbrica di chip a Vigasio in Veneto

La fabbrica assemblerà i semiconduttori "stampati" in altri stabilimenti nel territorio UE: previsti 1.500 posti di lavoro diretti e 3.500 indiretti, entro il 2027

La crisi dei chip da una parte, le tensioni USA-Cina dall’altra, l’Europa e la sua fame di dispositivi elettronici in mezzo: in questo complicatissimo contesto è nata la decisione di Intel di investire ben 33 miliardi di euro nel vecchio continente e di destinarne 4,5 alla creazione di uno stabilimento in Italia. Dopo settimane di confronto con il Governo uscente guidato da Mario Draghi, ora è arrivato l’annuncio ufficiale: la nuova fabbrica di chip Intel sorgerà in Veneto, a Vigasio.

Intel in Veneto: la fabbrica

La fabbrica di chip di Intel svolgerà la parte finale del lavoro necessario a creare un processore: l’assemblaggio e il packaging di semiconduttori "stampati" altrove. Potrebbe sembrare un lavoro di "serie B", ma non lo è affatto: tutto il processo industriale che porta alla nascita di un chip è estremamente delicato e ogni fase è complicatissima, persino quella che in teoria è la più semplice.

Tanto è vero che, per far funzionare la nuova fabbrica in Veneto, serviranno 1.500 addetti ultra specializzati e non è affatto detto che, almeno inizialmente, sia tutto personale italiano. Inoltre, Intel stima altri 3.500 posti di lavoro nell’indotto. La nuova fabbrica sarà operativa, sempre secondo Intel, tra il 2025 e il 2027.

Da Vigasio a Magdeburgo

Secondo Reuters, che ha pubblicato per prima la notizia sulla scelta di Vigasio come sede del nuovo stabilimento di Intel, la scelta sarebbe caduta su questo piccolo paese di appena 10 mila abitanti in provincia di Verona a causa della sua vicinanza con l’autostrada del Brennero A22, che collega la pianura padana alla Germania.

Proprio in Germania Intel sta per costruire altre due fabbriche a Magdeburgo (il cui rendering vedete in apertura di questo articolo), con un investimento totale di 17 miliardi di euro. Cioè circa la metà degli investimenti previsti da Intel in Europa nei prossimi dieci anni (saranno 88 miliardi a livello globale). Un altro stabilimento sorgerà in Francia, a Plateau de Saclay e, infine, Intel allargherà anche lo stabilimento di Gdansk, in Polonia.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963