Libero
SCIENZA

Arriva la Luna Piena dei Fiori: segnatevi data e ora dell'eclissi di maggio

Anche quest'anno la straordinaria Luna Piena dei Fiori torna a illuminare il cielo: si tratta di uno spettacolo che vede protagonista il nostro satellite e che, in realtà, apre un fitto calendario di appuntamenti

Da tempi immemori la volta celeste attira l’attenzione di ognuno di noi. Poco importa che si sia sognatori, appassionati, ricercatori o scienziati: inevitabilmente, almeno una volta nella vita, i nostri occhi si poseranno con curiosità sul cielo. C’è però da dire che questo periodo è davvero quello giusto se si vuole essere stupiti da uno spettacolo unico: è in arrivo la Luna Piena dei Fiori, che ci sorprenderà con una serie di “effetti speciali”.

Ebbene sì, questa particolare luna piena dominerà il cielo notturno proprio in questi giorni e il consiglio è quello di non perdersela: complici una serie di allineamenti e una gran fortuna nelle combinazioni astrali potremo assistere ad alcuni eventi che lasceranno soddisfatti tutti, ma proprio tutti, gli osservatori.

La Luna dei Fiori: quando osservarla

Ma andiamo dritto al sodo: la Luna dei Fiori sarà visibile a partire dal 5 maggio alle 19.34. Nelle ore prima sarà già possibile vedere il plenilunio, ma solo all’orario indicato il satellite sarà visibile nella sua pienezza e rotondità. Non si tratterà di una Superluna, perché la sua distanza dalla Terra sarà “solo” di 383.657 chilometri dal perigeo (nel caso ve lo steste chiedendo, vedremo la prima Superluna ad agosto) ma lo spettacolo sarà comunque straordinario.

Basta pensare al fatto che il nome del plenilunio di maggio proviene dai nativi americani, che lo hanno anche ribattezzato “Luna in fiore”, “Luna della Grande Foglia” o “Luna delle Foglie Verdi”, perché oltre a brillare nel cielo terso delle sere primaverili, illuminava con i suoi pallidi raggi dei grandi prati o delle enormi fioriture. La luminosità di questa luna, sulla carta, dovrebbe essere eccezionale. Tuttavia, proprio quest’anno accadrà un evento speciale che la renderà un po’ meno apprezzabile.

L’Eclissi di luna e lo spettacolo del cielo

Attenzione però, perché meno apprezzabile non significa meno straordinaria. Infatti, se questa Luna dei Fiori sarà meno luminosa rispetto a quanto dovrebbe sarà merito di un’eclissi lunare penombrale. Questo genere di eclissi oscura parzialmente il nostro satellite per via dell’ombra esterna della Terra, che si proietta sul disco lunare.

Come mai avviene tutto questo? Perché, a differenza di quanto accade nell’eclissi lunare totale, il nostro Pianeta non sarà perfettamente allineato fra Sole e Luna. Nello specifico, il piano dell’orbita lunare sarà più inclinato rispetto a quello dell’orbita terrestre. La cosa interessante da sapere è, inoltre, che anche se generalmente l’eclissi lunare penombrale non è del tutto apprezzabile a occhio nudo, in questo caso sarà invece chiaramente visibile perché quella che sta per arrivare è definita come “eclissi lunare penombrale profonda“.

Pertanto il cono d’ombra della Terra farà sì che invece di vedere una Luna pallida, perlacea e lucente, vedremo una Luna sui toni del grigio che in alcune fasi dell’eclissi (che durerà in tutto quattro ore) potrebbe anche assumere delle sfumature marroni. Attenzione alla straordinarietà dell’evento: la prossima eclissi lunare penombrale profonda è prevista nientemeno che per il 2042.

Una cornice di stelle cadenti

Se tutto ciò non bastasse a rendere le prossime notti interessanti, c’è di più: la Luna dei Fiori sarà anche incorniciata da una pioggia di stelle cadenti. A solcare il nostro cielo saranno le Eta Aquaridi, ovvero i corpi celesti che la Cometa di Halley, migliaia di anni fa, si è lasciata alle spalle. Si tratta di meteore suggestive da vedere, perché anche se sono molto veloci si presentano colorate, con toni che vanno dall’azzurro al giallo, e la loro scia è piuttosto persistente.

Il nostro consiglio finale? Quello di preparare tutto per il 5 maggio: scegliere un posto lontano dall’inquinamento luminoso, armarsi di tutta l’attrezzatura possibile (anche se gli eventi saranno visibili a occhio nudo, avere telescopi e binocoli permette di apprezzarli meglio) e godersi la quiete di una notte così spettacolare.