Libero
chip Fonte foto: Shutterstock
TECH NEWS

MediaTek Dimensity 9000 vs Snapdragon 8 Gen 1 vs Exynos 2200 chi vince

In rete iniziano a girare i primi test sulle prestazioni di MediaTek Dimensity 9000, Qualcomm Snapdragon 8 Gen 1 e Samsung Exynos 2200, ma quanto sono attendibili?

Samsung, Qualcomm e Mediatek sono i tre principali produttori di processori per gli smartphone Android e, nel corso dei primi mesi del 2022, vedremo i loro chip a bordo dei nuovi modelli top di gamma, alcuni dei quali già usciti in Cina. Mentre tutti sono ancora in attesa di provare sul campo l’Exynos 2200, lo Snapdragon 8 Gen 1 e il Dimensity 9000, un leaker ha diffuso i risultati di un primo confronto tra i nuovi processori top di gamma. E ci sono sorprese.

Un tweet del leaker Ice Universe riporta l’esito del primo test dei 3 nuovi processori di fascia alta sulla piattaforma Geekbench 5, una delle più usate per testare la potenza dei chip per telefoni e tablet. Il confronto non si limita a una comparazione tra l’Exynos 2200 di Samsung, lo Snapdragon 8 Gen 1 di Qualcomm e il Dimensity 9000 di Mediatek ma coinvolge anche due processori di fascia alta già presenti sul mercato: il Qualcomm Snapdragon 888 (top di gamma del 2021) e l’Apple A15 Bionic (cioè il chip di iPhone 13). L’esito del confronto vede Mediatek primeggiare tra i processori Android.

Dimensity 9000: il re di Android?

Dietro il soc proprietario A15 Bionic di Apple, che vince su tutti con un punteggio di 1.750 in single core e 4.885 in multicore, si piazza il Dimensity 9000 di Mediatek con 1.278 e 4.410 punti. Segue lo Snapdragon 8 Gen 1 di Qualcomm, con 1.231 e 3.752 punti e poi lo Snapdragon 888 dell’anno scorso con 1.125 e 3.525 punti. Samsung Exynos, secondo questi test, è il peggiore di tutti con 1.109 e 3.534 punti.

Ricordiamo che i test in single core simulano l’uso di una sola app, molto pesante (solitamente un gioco con impostazioni elevate), mentre quelli multi-core simulano l’uso di molteplici applicazioni (browser, social network, messaggistica istantanea, streaming, ecc) tutte insieme.

Nel mondo Android, quindi, MediaTek Dimensity 9000 sarebbe il SoC più potente di tutti. Secondo le indiscrezioni provenienti dalla Cina, i primi smartphone equipaggiati con questo processore dovrebbero essere prodotti da Vivo, Realme, Xiaomi, Oppo, Samsung, Motorola e OnePlus. Gli ultimi rumor insistono su alcuni modelli della gamma Redmi K50 di Xiaomi e il prossimo Oppo Find X5.

I risultati di Qualcomm Snapdragon e Samsung

Lo Snapdragon 8 Gen 1 consegue dei risultati più che buoni e, almeno nell’ambito dei single-core, pressa il rivale Mediatek. Sembra invece piuttosto indietro l’Exynos 2200 di Samsung: un processore sfortunato che ha già subito un ritardo nel lancio, e che nei test è appaiato allo Snapdragon 888, cioè a un processore di fascia alta del 2021.

Benchmark e mondo reale

I meri risultati matematici del benchmark non devono trarre in inganno. Giova ricordare che i test escludono l’influenza degli elementi aggiuntivi sul comportamento del processore. Tra questi vi sono la memoria RAM, il sistema di raffreddamento del dispositivo e le condizioni della batteria.

Inoltre l’uso quotidiano dipende anche dall’ottimizzazione del software, cioè dalla capacità di cucire addosso a un dispositivo il sistema operativo e i programmi che esegue – aziende particolarmente specializzate in questo sono Apple, Motorola e proprio Samsung.

Ma non solo: è doveroso notare che da questi primi test emerge una differenza di prestazioni tra Snapdragon 888 e Snapdragon 8 Gen 1 praticamente irrisoria, intorno al 10%. Tra i due chip, però, cambia veramente tutto e sul nuovo 8 Gen 1 debutta una nuova architettura per la quale, molto probabilmente, Geekbench non è ancora ottimizzato.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963