Libero
SCIENZA

Una rara orchidea è stata scoperta per caso in Italia

Un piccolo miracolo botanico nel giardino di una scuola materna. Una pianta vicina alla minaccia d'estinzione è comparsa spontaneamente

Pubblicato:

Una rara orchidea Fonte foto: iStock

Una rara orchidea è stata scoperta in Italia in maniera del tutto casuale. La cosa più sorprendente inoltre, è che il tutto sia avvenuto non all’interno di un giardino estremamente ben curato, appartenente a degli appassionati intenti a coltivare specie di vario genere. Semplicemente questa pianta è fiorita all’interno di una scuola materna in Versilia.

Una scoperta fortuita

Un vero e proprio regalo della natura, verrebbe dire, quanto avvenuto in Italia, dove studenti e insegnanti di una scuola in Versilia sono rimasti incantati dinanzi alla meraviglia proposta dal terreno.

É fiorita una specie protetta di orchidea selvatica. Un fiore raro apparso nel prato che circonda l’istituto comprensivo Camaiore 3. A rendersi conto di questa bellezza sono stati degli operai intenti a piantare alcuni alberi, donati alla scuola dal Consorzio di Bonifica.

Non un singolo fiore, sia chiaro. Ci si è resi infatti conto di quanto questa scoperta fosse davvero esaltante, considerando il quantitativo di piante individuate. Nella piccola area verde circa venti sono subito state censite e protette.

Che tipo di orchidea

Il Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord ha reso noto lo straordinario ritrovamento a Capezzano, che rappresenta una situazione davvero insolita. L’orchidea, nello specifico, è una Serapias neglecta, nota anche come Serapide trascurata. Si tratta di una specie segnalata nella Convenzione di Washington.

Viene classificata come “vicina alla minaccia d’estinzione”. Per questo motivo il fatto che sia spuntata in un luogo del genere, in maniera del tutto spontanea, è un sogno a occhi aperti. In seguito alla segnalazione, i botanici hanno confermato il tutto. La pianta è stata poi raccolta dal dirigente scolastico, Riccardo Bolle, che ha coinvolto la docente Cristina Bulgheri e una classe di studenti, così che avviassero un progetto di protezione.

L’orchidea selvatica necessita del giusto terreno per nascere ma, al tempo stesso, di una pianta secondaria simbionte, che possa dare il giusto nutrimento, così da crescere e germogliare. Le piante visibili sono così state circondate da una rete, salvaguardandole anche dal taglio dell’erbe consueto del giardino. Il tutto per stimolare poi il compimento del ciclo vitale, fino alla produzione di nuovi semi, che danno vita alla prossima generazione.

Grande curiosità tra gli studenti, che hanno dato il via a una vera e propria caccia al tesoro. Hanno perlustrato i prati della scuola, alla ricerca di ulteriori esemplari. La Serapias neglecta nata a Camaiore è qualcosa di eccezionale, perché si può trovare soltanto nel sud della Francia, in Provenza, così come in Corsiva e in Italia, in Liguria, Toscana, Emilia Romagna e sulla costa orientale dell’Adriatico, ma in quantitativi estremamente ridotti.

Le 20 piante rinvenute sono un piccolo miracolo botanico, dunque, in uno spazio grande poco meno di 200 metri quadrati. Ecco il commento del presidente del Consorzio, Ismaele Ridolfi: “La biodiversità dei prati e anche dei nostri giardini è straordinaria e siamo lieti di questa scoperta avvenuta proprio mentre eravamo intenti a trasmettere questi valori attraverso la piantumazione di alberi e arbusti. Un progetto di forestazione che il Consorzio promuove da anni per contrastare la crisi climatica agendo anche sul microclima e che, coinvolgendo le scuole, riesce a veicolare messaggi ecologici nelle nuove generazioni”.

Libero Annunci

Libero Shopping