App di Messenger e WhatsApp Fonte foto: AlexandraPopova / Shutterstock.com
TECH NEWS

WhatsApp, Messenger e Instagram si fondono: cosa cambia

Mark Zuckerberg annuncia, con un lunghissimo post, l’intenzione di creare un’unica piattaforma di messaggistica. Cosa cambia per gli utenti

7 Marzo 2019 - Le voci su una possibile fusione (a livello infrastrutturale, per il momento) tra WhatsApp, Facebook Messenger e Instagram si rincorrevano ormai da settimane e ora arriva la conferma. Con un post lungo più di 3.000 parole (sufficienti a riempire due pagine di giornale, tanto per capire) Mark Zuckerberg annuncia la creazione di un’unica piattaforma di messaggistica fondata sulla crittografia e sulla protezione dei dati degli utenti.

Dopo i vari scandali-privacy che hanno riguardato Facebook da un biennio a questa parte (tutto iniziò con Cambridge Analytica, ma in seguito ne sono arrivati molti altri), il papà di Facebook – e proprietario di WhatsApp e Instagram – decide che è arrivato di mettere la privacy al centro del proprio progetto di sviluppo. E lo fa annunciando l’intenzione di creare una piattaforma di messaggistica unica e condivisa tra i vari servizi oggi di sua proprietà. L’obiettivo è anche quello di creare nuove opportunità di business: Zuckerberg pensa sicuramente all’e-commerce, ma anche ai pagamenti tra utenti (tanto che è in fase di sviluppo una criptovaluta da usare su WhatsApp e Facebook).

Il futuro è della privacy

Nel suo lunghissimo intervento, Mark Zuckerberg delinea quelle che saranno le linee di sviluppo di Facebook, WhatsApp e Instagram. E, probabilmente, dell’intero settore dei social network e delle app di messaggistica. “Credo che il futuro della comunicazione si stia spostando verso servizi basati sulla crittografia e che tutelino la privacy di chi li utilizza – si legge nel post di Zuckerberg. Le persone devono avere la certezza che ciò che dicono e le informazioni che scambiano restino private e non siano rintracciabili online per sempre”. Ciò non vuol dire, spiega ancora il papà di Facebook, che non ci sia più spazio per reti sociali pubbliche: piattaforme come Facebook continueranno ad esistere, ma gli utenti preferiranno scambiare messaggi importanti su piattaforme private.

WhatsApp, Messenger e Instagram Direct: quale futuro

Per questo motivo, gli sviluppatori di Messenger di Instagram si stanno adoperando per rendere le due piattaforme sempre più simili a WhatsApp. L’app di messaggistica per eccellenza, con un numero di utenti unici mensili più elevato di Facebook, è presa ad esempio: grazie ai suoi algoritmi di crittografia end-to-end e alle altre funzionalità di sicurezza, garantisce agli utenti un elevato livello di privacy e protezione dati.

Nei prossimi mesi, dunque, gli ingegneri del gruppo Facebook lavoreranno per l’integrazione della piattaforma, così da creare un’unica infrastruttura per WhatsApp, Messenger e Instagram Direct. L’obiettivo finale è, però, un altro: la completa integrazione tra le tre piattaforme, in modo che gli utenti dell’uno o dell’altro servizio potranno scambiare messaggi tra di loro senza alcun limite.