come fare i caratteri speciali su whatsapp Fonte foto: Shutterstock
APP

Su WhatsApp tornano i pagamenti, quando arrivano in Italia

I pagamenti digitali tornano su WhatsApp e stavolta per restare: l'attesa funzione potrebbe arrivare a breve anche in Italia

Su WhatsApp è tempo, ancora una volta, di pagamenti digitali. Dopo una fugace apparizione durante il mese di giugno dello scorso anno, l’applicazione dedicata alla messaggistica tra le più utilizzate del pianeta torna alla carica con alcune interessanti novità mentre mira ad ampliare il raggio d’azione del servizio.

Era il 18 giugno 2020 quanto WhatsApp annunciava la possibilità di effettuare trasferimenti di denaro direttamente attraverso la propria applicazione. Neanche una settimana dopo, la funzionalità disponibile solo in Brasile ma con piani di espansione già in cantiere, venne bloccata a tempo indeterminato a causa del sospetto di comportamenti anticoncorrenziali da parte della Banca centrale del Brasile. Il tutto, dunque, si chiuse con un niente di fatto in attesa di una risoluzione che, oggi, a quasi nove mesi di distanza, sembra essere finalmente giunta, tanto da permettere all’applicazione di tornare in campo e puntare a nuovi mercati.

Pagamenti WhatsApp, cosa è cambiato?

Se, lo scorso anno, a bloccare il sistema di pagamento fu il timore della penalizzazione delle banche brasiliane e delle compagnie tecnologiche del settore finanziario, così come sospetto di rischi relativi alla gestione dei dati personali degli utenti, stavolta WhatsApp sembra aver avuto il via libera per provare di nuovo a sfondare nel settore, anche grazie alla possibilità di utilizzare i canali di Visa e Mastercard per gestire i trasferimenti delle somme denaro. E affiancarsi, così, a un altro competitor piuttosto agguerrito: Apple Pay Cash.

A fare la differenza con il sistema di Cupertino vi è la però la natura stessa di WhatsApp. Infatti, se i pagamenti della Mela morsicata possono essere effettuati esclusivamente tra utenti Apple, WhatsApp ha dalla sua la possibilità di essere sfruttato allo stesso tempo da utenti iOS e Android. Il tutto, con un pubblico che non ha paragoni: solo in Brasile gli utilizzatori dell’app superano la metà dei 213 milioni di abitanti, un numero che Cupertino difficilmente può battere.

Pagamenti WhatsApp, quando arrivano in Italia?

Sebbene WhatsApp non abbia nascosto anche in passato la volontà di ampliare il ventaglio delle nazioni in cui estendere ilservizio di pagamento, attualmente non è stato reso noto un piano concreto sulle tappe future e i tempi di rilascio. Fa però ben sperare il messaggio di uno dei portavoce dell’applicazione che, secondo Forbes, avrebbe confermato come la piattaforma stia completando gli ultimi preparativi per consentire l’utilizzo della funzionalità il prima possibile.

L’Italia, dunque, potrebbe dover ancora attendere qualche tempo prima di poter iniziare a sfruttare la feature interna dell’app, magari successivamente a un’estesa fase di test svolta su mercati maggiormente appetibili, come quello Indiano. Sarà, infatti, proprio su questi territori che si giocherà la partita più importante, laddove il sistema dei pagamenti potrebbe subire una rivoluzione senza precedenti.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963