Libero
TECH NEWS

Windows 11: come bloccare l'aggiornamento e perché

Bloccare l'aggiornamento a Windows 11 è possibile e, in alcuni casi, anche consigliabile, ma ci sono dei limiti e una procedura ben precisi

Windows 11 è disponibile dal 5 ottobre e verrà proposto gradualmente a tutti gli utenti di Windows 10 con un PC compatibile con i requisiti minimi, che sono superiori a quelli di Windows 10 e, di conseguenza, non tutti gli utenti del vecchio sistema operativo di Microsoft potranno installare il nuovo. Ma, d’altro canto, non tutti vorranno farlo o, almeno, non subito. Il dubbio tra aggiornare o non aggiornare, infatti, è molto più diffuso di quanto si pensi.

Ed è anche giustificato, visto che negli ultimi anni molti “major update" di Windows 10 hanno portato, inizialmente, diversi bug e problemi agli utenti che li hanno installati. Se un aggiornamento di Windows 10 non è sempre indolore, quindi, come essere sicuri che lo sarà un passaggio ben più grosso, come quello da Windows 10 a Windows 11? Dubbi legittimi, quindi, che fanno propendere molti utenti verso l’attesa: aspettare qualche settimana prima di aggiornare, in modo da essere certi che l’update non crei problemi o, se li crea, che Microsoft li risolva. L’aggiornamento a Windows 11, però, avviene esattamente come quelli di Windows 10, cioè tramite Windows Update, in modo automatico. Come bloccare tutto e rinviare l’aggiornamento a Windows 11? Ecco come si fa, in modo semplice.

Come bloccare Windows Update

Windows 11 arriva via Windows Update, quindi è su questa utility del sistema operativo Microsoft che bisogna agire per rinviare l’aggiornamento. Per farlo è necessario andare su Impostazioni > Aggiornamento e sicurezza > Sospendi aggiornamenti per 7 giorni.

Ogni aggiornamento di Windows, in questo modo, verrà rimandato di 7 giorni. Sarà possibile rimandare gli aggiornamenti per un massimo di 5 volte, quindi per 35 giorni in totale, dopo sarà obbligatorio installare gli aggiornamenti.

Alcuni utenti sono riusciti a superare questo limite, una volta passati i 35 giorni, scollegando completamente il PC da Internet e riattivando gli update: non viene scaricato alcun aggiornamento, ovviamente, ma il timer riparte da zero.

Gli aggiornamenti di sicurezza

Vi abbiamo sempre consigliato di tenere aggiornato il sistema operativo, perché Microsoft rilascia in continuazione aggiornamenti di sicurezza che vanno a risolvere bug anche gravi e pericolosi. Per fortuna, anche bloccando Windows Update per 35 giorni, gli aggiornamenti di sicurezza vengono scaricati lo stesso: con questo metodo, infatti, possiamo interrompere solo i cosiddetti “quality update“, cioè aggiornamenti delle funzioni aggiuntive e non essenziali di Windows 10.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963