telecamera di sicurezza Fonte foto: Shutterstock
SICUREZZA INFORMATICA

Amazon "spia" le riprese delle telecamere di sicurezza: cosa succede

11 Ottobre 2019 - Nuova tegola su Amazon: dopo la notizia dei mesi scorsi relativa ai dipendenti dell’azienda che ascoltano le registrazioni di Alexa per controllare l’efficacia delle risposte, ora si scopre che altri dipendenti guardano le riprese delle Amazon Cloud Cam, le videocamere IP collegate ai server del colosso dell’e-commerce.

Lo riporta Bloomberg, che è venuto a conoscenza di reparti interni ad Amazon, localizzati in India e in Romania, composti da decine di lavoratori che hanno il compito di guardare le riprese catturate dalle Cloud Cam per insegnare agli algoritmi di intelligenza artificiale come comportarsi. In buona sostanza, tutto ciò è necessario per far sì che l’AI riesca a distinguere un ladro che si è intromesso in casa dal nostro gatto che si muove liberamente in salotto saltando dal divano alla poltrona. Amazon, però, smentisce tutto e fornisce una versione molto diversa dei fatti.

La versione di Bloomberg

Bloomberg riporta, dopo aver sentito più fonti anonime interne ad Amazon, che la giornata tipo di uno di questi dipendenti in India e Romania consiste nel guardare circa 150 clip, da 20-30 secondi ciascuna, e annotare cosa è successo e cosa ha capito l’intelligenza artificiale. In pratica è lo stesso lavoro già in corso con le clip audio registrate da Alexa, ma applicato alle clip video.

La versione di Amazon

Interpellata in merito da Bloomberg, Amazon ha affermato che questi due team in India e Romania esistono veramente, ma le clip che analizzano provengono dalle Cloud Cam di altri dipendenti che stanno facendo da tester, oppure da utenti comuni che inviano specifiche clip in caso di problemi tecnici (ad esempio in caso di scarsa qualità delle riprese). Nessuno, secondo Amazon, sarebbe quindi spiato in casa sua da ignoti dipendenti dell’azienda di Jeff Bezos. “Prendiamo in seria considerazione la privacy degli utenti – spiega una portavoce di Amazon a Bloomberg – e diamo agli utenti il pieno controllo della Cloud Cam. Solo i clienti possono vedere le proprie registrazioni“.

Amazon ti spia nei momenti intimi?

Tuttavia, a smentire quanto afferma Amazon ci sarebbero alcune dichiarazioni delle fonti anonime ascoltate da Bloomberg. Secondo quanto dichiarato da questi dipendenti in incognito, infatti, è molto improbabile che quanto afferma Amazon non sia del tutto vero perché, tra le riprese, ce ne sono anche alcune che difficilmente un utente medio farebbe vedere a qualcuno. Ad esempio riprese di quando l’utente è in rapporti intimi con il proprio partner. Ancor peggio: nonostante Amazon faccia fare questo lavoro di analisi delle clip delle Cloud Cam in spazi appositi e quasi blindati, in cui nessun altro dipendente che non lavora a questo programma di test può entrare, ci sarebbero già dei casi di clip fatte circolare al di fuori dell’azienda.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963