Libero
Antica tomba scoperta sotto un asilo: hanno trovato quello che nessuno si aspettava Fonte foto: 123RF
SCIENZA

Antica tomba scoperta sotto un asilo: hanno trovato quello che nessuno si aspettava

Durante alcuni scavi per la ristrutturazione di un asilo, gli operai hanno trovato una tomba di quattromila anni fa, con ossa e oggetti particolari

Se si trovano delle ossa umane in cortile, la prima reazione è sempre la preoccupazione. Se poi il cortile è quello di un asilo nido, la preoccupazione raddoppia.

Ma non siamo di fronte a una storia di serial killer e cadaveri sotterrati, ma a una scoperta molto particolare per il mondo dell’archeologia: le ossa ritrovate, infatti, risalgono a 4mila anni fa, e sono accompagnate da oggetti inusuali.

Una tomba sotto l’asilo

Siamo a Brestovany, un piccolo villaggio della Slovacchia poco lontano dalla capitale Breslavia, quindi nella regione occidentale del Paese. L’asilo nido in questione era chiuso, perché aveva bisogno di una ristrutturazione.

Scavando, gli operai che stavano lavorando sulle fondamenta dell’edificio hanno ritrovato alcune ossa, chiaramente umane. Hanno contattato gli archeologi del Museo della Slovacchia occidentale e del Monuments Board di Trnava, la città capoluogo di provincia.

Sono quindi iniziati ulteriori scavi, questa volta fatti da archeologi con pennelli e piccoli martelli, invece che da operai con trapani e scavatrici. Ma le maestre dell’asilo non hanno perso tempo, facendo approfittare i loro studenti e i bambini di Brestovany di un’opportunità più unica che rara: assistere a uno scavo archeologico. "Scoprire la tomba è stato un po’ diverso dal solito perché tutte le classi della scuola elementare e dell’asilo locale sono arrivate per assistere alle nostre ricerche e scoperte", ha detto infatti l’archeologo Peter Grznár.

Una donna e i suoi gioielli

Dalle prime analisi, che verranno poi approfondite, risulta che si tratta di una tomba di 4mila anni fa: risalirebbe infatti alla prima età del bronzo, quando era proprio l’Europa centrale il luogo preferito per la lavorazione e lo scambio di questo metallo.

Nella tomba c’erano gioielli femminili, come perline d’osso, un braccialetto di rame e due orecchini a forma di salice. Lo scheletro infatti è quello di una donna, sepolta in posizione rannicchiata sul fianco sinistro.

Sono proprio gli oggetti ritrovati e la forma e la disposizione della tomba ad aver fatto capire agli archeologi che risale alla prima parte dell’età del bronzo, in particolare alle popolazioni che si rifacevano alla cultura di Nitra. Anche in Cina, recentemente, è stata trovata una tomba con oggetti e resti molto importanti per la datazione storica.

Si tratta di una delle più antiche dell’età del bronzo in Slovacchia, e tra le prime ad aver introdotto questo materiale nella vita quotidiana. I Nitra erano riusciti a perfezionarlo, producendo un materiale molto più resistente dello stagno usato in precedenza.

Questa scoperta permetterà agli scienziati di aggiungere tasselli importanti sulla conoscenza di come le prime culture umane si sono sviluppate e diffuse nell’Europa centrale. Anche la posizione dell’asilo nido è interessante da questo punto di vista, perché si trova su un leggero crinale: scelta molto particolare se parliamo di un insediamento umano preistorico. Oggi in quel luogo ci sono, oltre all’asilo, una villa storica della prima metà del XIX secolo e il suo parco monumentale. Le scoperte di ossa umane nel giardino di casa (o della scuola, in questo caso) non sono così inusuali: è successo anche in Perù, dove è stato trovato un intero cimitero.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963