apple clips Fonte foto: Redazione
APPLE

App Clips, che cosa sono le nuove app super-leggere dell'iPhone

Su iOS 14 arrivarà App Clips, delle mini-versioni delle applicazioni per iPhone che non devono essere installate sul dispositivo. Ecco che cosa sono

Una delle novità più interessanti di iOS 14, presentato ufficialmente da Apple il 22 giugno nel corso della WWDC 2020, è l’introduzione delle “App Clips“. Si tratta di versioni parziali delle app presenti sull’App Store, che serviranno all’utente per valutare l’app completa e decidere se scaricarla.

Oppure, come ha illustrato Apple, potranno essere usate come versione “lite” e personalizzata dell’app affinché gli utenti possano scaricare e installare solo quelle parti di applicazione che realmente gli servono. Tutto questo, però, non sarà immediato né automatico: gli sviluppatori dovranno riscrivere le app affinché possano essere frammentate in “Clips” e scaricabili in modo indipendente. Si tratta, quindi, di una grossa novità per l’ecosistema iOS che potrebbe portare gli utenti a usare in modo molto diverso (in un certo senso, più “mordi e fuggi“) le applicazioni e i dispositivi. Tutto dipenderà, però, dal modo in cui gli sviluppatori vorranno e riusciranno a implementare questa nuova funzionalità.

App Clips: come funzionano

Quando un’app avrà delle Clips, allora l’utente le vedrà direttamente nell’App Store. Verrà visualizzata un’anteprima dell’app con un pulsante “Apri“. Non sarà necessario scaricare tutta l’app completa per usare una clip, ma solo la parte di codice relativa alla clip stessa. Sullo smartphone, dopo l’utilizzo, non resterà traccia né della clip né dell’app principale.

Il sistema App Clips è compatibile con Apple Pay e Sign in with Apple, quindi l’utente non sarà costretto a creare un account specifico per l’app comunicando ad esempio il suo indirizzo e-mail o il numero di telefono.

App Clips: cosa cambia per utenti e sviluppatori

Le App Clips, se avranno successo, potranno rivoluzionare il modo in cui gli utenti Apple usano i dispositivi iOS. Tutto, però, starà nella capacità degli sviluppatori di creare clips abbastanza attraenti da invogliare gli utenti a usarle, e non delle semplici preview con funzionalità limitate.

Sarà quindi possibile creare delle app con clips gratuite per le funzioni base, tramite le quali convincere l’utente a scaricare (e pagare) l’app completa. Durante tutta la fase di prova, però, l’utente non avrà installato nulla e non avrà comunicato i suoi dati a nessuno e questo, tra le altre cose, aumenterà la sicurezza dei dispositivi iOS e degli account Apple.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963