meme Fonte foto: Shutterstock
HOW TO

Che cosa significa la parola meme

Il termine meme deriva dal greco mímēma e significa imitazione e più semplicemente fa riferimento a un contenuto che in poco tempo diventa virale

È il meme del momento. Indubbiamente vi sarà capitato anche a voi di sentire o leggere da qualche parte questa parola. Ma che cosa significa? Normalmente, un meme è un contenuto divertente (un’immagine, un video, un testo) che in pochissimo tempo si trasforma in un fenomeno virale.

Cerchiamo di capirci qualcosa, partendo dalle origini. Il termine meme deriva dal greco mímēma e significa imitazione. Ed è proprio questo il perno attorno a cui ruota un meme: l’imitazione. Una foto pubblicata in rete, infatti, diventa un meme se è condivisa da molti utenti. Ma non è l’unica caratteristica che un elemento diffuso su Internet deve avere per essere definito un meme. Molto importante, infatti, è che sia in grado di suscitare ilarità. Se il contenuto non è spiritoso non può essere considerato un meme. E sapete chi ha utilizzato per la prima volta questa parola? Richard Dawkins , un biologo britannico, nel libro “Il gene egoista”, pubblicato nel 1976.

I primi meme

Spesso i meme più comuni sono delle immagini corredate da un testo. Ed è l’armonia tra foto e parole che rende il contenuto divertente. Volete conoscere quale è stato uno dei primi meme a diffondersi rapidamente? Bisogna risalire al 1996, quando le principali emittenti americane iniziarono a trasmettere The Dancing Baby, ossia il bambino danzante, una GIF 3D che raffigurava un infante, con tanto di pannolino, intento a ballare mettendo in scena dei passi spiritosi.

I meme: servono a qualcosa?

A parte divertire, a cosa servono i meme? Si possono utilizzare per comunicare, per conferire a un concetto, spesso striminzito a causa dei pochi caratteri a disposizione (tipo Twitter), un maggiore impatto espressivo ed emotivo. E non solo in situazioni spiritose. I meme sono entrati anche nella sfera politica e sociale. Spesso quella che sembra essere semplicemente una spassosa immagine, infatti, può far riflettere e influenzare l’opinione pubblica.

Contenuti sponsorizzati