Libero
SMART EVOLUTION

DAZN, arriva lo speed test per i rimborsi: come funziona

Secondo indiscrezioni l'Autorità per le Comunicazioni starebbe per intervenire pesantemente per tagliare la testa al toro e stabilire se di chi è la colpa se non si vedono le partite su DAZN

Non c’è ancora la certezza, ma le voci sono sempre più insistenti: l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AgCom) starebbe per imporre a DAZN l’integrazione, all’interno delle sue app, dello speed testMisurainternet“. Cioè il test ufficiale dell’AgCom per misurare le prestazioni della connessione a Internet, già usato anche per fare reclamo contro gli operatori telefonici.

La notizia è stata riportata da Repubblica, che è certa che l’obbligo arriverà già dopodomani, giovedì 20 gennaio. Ma non solo: DAZN dovrà anche aderire a ConciliaWeb, la piattaforma online dell’AgCom per la gestione delle conciliazioni extragiudiziali, cioè gli accordi tra gli utenti e le aziende che erogano un servizio grazie ai quali gli utenti vengono almeno parzialmente rimborsati per un disservizio senza dover andare in tribunale. A proposito di disservizi e rimborsi: sempre secondo Repubblica l’AgCom avrebbe anche stabilito la cifra per il singolo rimborso, nonché quella per il risarcimento massimo mensile. Infine, ancora l’AgCom avrebbe stabilito i parametri tecnici minimi che DAZN deve rispettare durante la trasmissione delle partite.

DAZN: cosa ha deciso l’Autorità

Se tutte le indiscrezioni si riveleranno corrette, la piattaforma di streaming che trasmette il campionato di Serie A italiano dovrà innanzitutto integrare il codice di Misurainternet all’interno della sua app. Tramite questo speed test si potrà capire se un eventuale problema di visione di una partita è dovuto a:

  • Connessione lenta: in tal caso la colpa è dell’operatore telefonico
  • App DAZN: in tal caso la colpa è della piattaforma di streaming
  • Problemi alla Smart TV o allo smartphone: in tal caso la colpa è dell’utente

In buona sostanza l’AgCom avrebbe intenzione di usare lo strumento Misurainternet per evitare il classico scarica barile, dando all’utente la possibilità di rivalersi su DAZN e/o sull’operatore telefonico in base al tipo di problema rilevato.

DAZN: i requisiti minimi per la qualità

Posto che l’utente abbia una buona connessione a Internet (misurata con lo strumento ufficiale), non è detto che abbia automaticamente anche una buona qualità di riproduzione: può capitare, infatti, che una piattaforma di streaming non mandi all’utente un flusso di dati sufficiente a garantire audio e video di buon livello.

L’AgCom, per questo, si appresterebbe a chiedere a DAZN di offrire all’utente un flusso minimo pari a:

  • 10 Mbps in caso di connessione da Smart TV
  • 4 Mbps in caso di connessione mobile (smartphone o tablet)

DAZN: quando scatta il rimborso

In base a queste indiscrezioni, ci dovrebbero essere tutti gli strumenti necessari per determinare se l’esperienza d’uso di DAZN da parte dell’utente è sufficiente oppure no e, nel caso non lo sia, per stabilire di chi è la colpa: è di DAZN, del fornitore della linea Internet o dell’utente stesso?

Se non ci saranno problemi di connessione a Internet, né problemi tecnici dipendenti dall’utente, allora DAZN sarà costretta al rimborso se:

  • Non sarà possibile accedere ripetutamente all’app (problemi all’app di DAZN)
  • Non sarà possibile accedere ripetutamente alla singola partita
  • L’utente perderà a causa di DAZN una percentuale congrua della durata della partita
  • Il flusso dati non sarà sufficiente a garantire la qualità minima

DAZN: a quanto ammonta il rimborso

Ma, sempre che tutto ciò divenga realtà, a quanto ammonterà il rimborso in caso di disservizio DAZN? Non a poco, anzi: l’ipotesi è quella di un rimborso da 7,5 euro per turno di campionato, per un massimo di 29,99 euro al mese, cioè l’intero canone mensile richiesto da DAZN per l’abbonamento.

DAZN: come richiedere il rimborso

Come già accennato, l’Autorità Garante per le Comunicazioni ha intenzione di chiedere a DAZN l’iscrizione alla piattaforma Conciliaweb. Tale piattaforma è stata creata per la risoluzione delle controversie tra utenti e operatori di telefonia, Internet e Pay Tv, direttamente online.

Si accede tramite SPID o CIE, si inseriscono i propri dati e si avvia la procedura di reclamo tramite l’apposita piattaforma. Non è difficile, ma neanche facilissimo e, in ogni caso, ci si può avvalere anche della consulenza di un avvocato o di una associazione di tutela dei diritti dei consumatori.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963