auto elettrica xiaomi Fonte foto: Shutterstock, Inc.
SMART EVOLUTION

È ufficiale: Xiaomi farà auto elettriche

Xiaomi si lancia ufficialmente nel segmento delle auto elettriche: è nata la divisione Xiaomi EV, il capitale sociale supera il miliardo di euro

Si parla da tempo del possibile ingresso di Xiaomi nel segmento delle auto elettriche, ma le voci finora non si erano mai concretizzate come adesso. L’impegno nella mobilità a zero emissioni del gigante cinese adesso è concreto, e si manifesterà attraverso la società Xiaomi EV Inc in cui è confluito un capitale sociale di 10 miliardi di yuan, al cambio attuale circa 1,3 miliardi di euro.

Il business delle vetture elettriche è in forte espansione, e si prevede che sia solo l’inizio di un’ascesa che per forza di cose dovrà essere costante. L’emergenza climatica che si manifesta con eventi meteorologici sempre più violenti impone un cambiamento radicale delle abitudini, e gli enti regolatori, specie quelli europei, stanno cercando di accelerare il più possibile questa transizione che dovrà necessariamente declinare al passato l’utilizzo di motori termici, inquinanti e non più sostenibili per il pianeta. Per cui non sorprende che aziende come Xiaomi, dalla vastissima esperienza in elettronica e tecnologia, siano interessate a dire la propria anche su un segmento molto diverso da quello di elezione, come quello delle auto elettriche.

Xiaomi EV ha già 300 dipendenti

Le mire di Xiaomi, e non lo si scopre certamente oggi, sono parecchio ambiziose, e l’azienda ha tutta l’intenzione di affermarsi anche nell’elettrificazione dei veicoli. Ecco quindi il debutto di una nuova divisione, Xiaomi EV Inc, che si occuperà di auto elettriche e che prevede di investire grossissime cifre in aggiunta al capitale sociale già versato, come detto di oltre 1 miliardo di euro.

Xiaomi, insomma, fa sul serio, e non potrebbe essere altrimenti con un investimento già annunciato a marzo dell’equivalente di otto miliardi e mezzo di euro spalmati in dieci anni. Xiaomi EV è capeggiata dal “solito" Lei Jun, fondatore e attuale CEO di Xiaomi, e può contare già adesso su una forza lavoro da 300 dipendenti, destinati naturalmente ad aumentare nel corso del tempo quando i progetti saranno numerosi.

Allo stato attuale non c’è nulla in cantiere, o almeno nulla oltre le ipotesi, circolate in passato, secondo cui Xiaomi sarebbe partita da un SUV o da una berlina a zero emissioni.

Xiaomi EV: acquisizioni e ricerche di mercato

Di ufficiale ci sono le ricerche condotte negli ultimi cinque mesi, che sono servite all’azienda per sondare il mercato e per imbastire di conseguenza le relazioni con i fornitori necessarie alla realizzazione delle auto elettriche, un campo in cui Xiaomi non si era mai avventurata prima d’ora.

Del resto la realizzazione dei monopattini ha poco a che vedere con quella di sistemi molto più complessi come le automobili, nonostante negli ultimi anni i Mi Scooter abbiano mostrato ottime qualità che li hanno portati a svettare nel segmento della micro mobilità elettrica.

Fare auto, però, è compito molto diverso che presuppone un impegno maggiore, e per questo l’azienda ha acquisito di recente Deepmotion, azienda focalizzata sulla guida autonoma che permetterà a Xiaomi di acquisire delle sue competenze adeguate al settore, per un esborso equivalente a oltre 60 milioni di euro.

Per avere notizie più concrete sulle auto elettriche di Xiaomi bisognerà attendere, ma nel frattempo il primo, necessario, passo è già compiuto.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963