Finstagram Fonte foto: Shutterstock

Finstagram, la nuova moda social degli adolescenti

Dopo esser nato negli Stati Uniti, Finstagram spopola anche in Italia. Ecco cosa è, come funziona e a cosa serve realmente

29 Dicembre 2018 - Con circa 20 milioni di utenti attivi ogni mese, l’Italia è uno dei Paesi nei quali Instagram gode di maggior successo. E, stando alle statistiche di Vincenzo Cosenza, ben il 60% degli iscritti ha meno di 35 anni (9,5% tra 13 e 18 anni; 20,6% tra 19 e 24 anni; 16% tra 25 e 29 anni; 12,7% tra 30 e 25 anni). Insomma, le probabilità che vostro figlio adolescente abbia un account Instagram sono molto elevate.

Con tutto ciò che ne consegue, ovviamente. Anche Instagram non è esente dei pericoli che si possono correre su social e piattaforme di messaggistica varie: cyberbullismo, ricatti hot e continuo confronto/scontro con i coetanei. Così, un po’ per controllarli un po’ per vedere come funziona, molti genitori si iscrivono a Instagram e diventano follower dei loro pargoli. Non è detto, però, che la mossa abbia successo: per “evadere” dal controllo degli adulti, molti adolescenti iscritti a Instagram stanno adottando una tattica chiamata Finstagram.

Cos’è Finstagram

Tendenza social nata negli Stati Uniti, Finstagram è un neologismo formato dalle parole inglesi fake (falso, fasullo) e Instagram e traducibile come Instagram fasullo. Si tratta di account creati con nickname di fantasia e con l’intento di tenerli segreti agli occhi di amici e parenti tutti. Per questo motivo, sono impostati con i più elevati livelli di privacy e resi privati da chi decide di crearne uno. Insomma, una sorta di social network privato all’interno di una delle reti social più in voga e più attive degli ultimi anni. Solitamente, gli account Finstagram hanno poche decine di follower, selezionati accuratamente da chi lo gestisce: l’obiettivo è quello di restare il più possibile in incognito.

A cosa serve Finsatgram

Come detto, gli account Finstagram sono creati con lo scopo di scappare al controllo di genitori e parenti vari ma non solo. Secondo alcune analisi, infatti, la gran parte degli utenti che crea account fake su Instagram sono ragazze adolescenti con problemi di relazioni sui social e alla ricerca di un “cono d’ombra” dove condividere foto e immagini più veritiere e corrispondenti al loro reale modo d’essere e non filtrate dai canoni di bellezza o di comportamento oggi in voga su Instagram. Insomma, una sorta di ribellione giovanile contro l’apparenza social.

TAG: