Libero
APPLE

Il nuovo iPhone ci deluderà: ecco perché

I nuovi iPhone 16 non stupiranno ed avranno lo stesso design, senza integrare l'AI: per Apple si prospetta un 2024 con un forte calo di vendite

iPhone 15 pro Fonte foto: chainarong06 / Shutterstock.com

La gamma iPhone ha chiuso un 2023 molto positivo, con Apple che, come confermano i dati di Canalys, ha conquistato la leadership del mercato smartphone, raggiungendo anche il primo posto per unità vendute in un mercato difficile come la Cina.

Per il prossimo futuro, però, le previsioni non sono particolarmente rosee. L’analista Ming Chi Kuo anticipa un 2024 negativo per la gamma di smartphone di Apple. Da notare, inoltre, che il futuro iPhone 16 non stupirà, con poche novità reali in arrivo rispetto agli attuali iPhone 15.

iPhone 16: poche novità per la prossima generazione

I nuovi iPhone 16 arriveranno nel corso della seconda metà del 2024, con il tradizionale lancio programmato a settembre. Gli smartphone sono già in sviluppo e manca poco per l’avvio della produzione delle prime unità. Le prime informazioni sui nuovi modelli di Apple confermano che le novità saranno limitate.

Con gli iPhone 16, infatti, non ci sarà alcun cambio significativo nel design. Tornerà la vistosa Dynamic Island e sarà confermato il modulo delle fotocamere (due sui modelli base e tre sui Pro) per la scocca posteriore. Come da tradizione, Apple rinnoverà le colorazioni dei suoi smartphone, proponendo soluzioni inedite o rilanciando varianti cromatiche di successo degli ultimi anni.

Per ora, sarebbe rimandato anche l’appuntamento con l’AI. I nuovi iPhone 16, infatti, non dovrebbero integrare funzionalità specifiche per l’intelligenza artificiale, settore su cui Apple potrebbe essere indietro rispetto a rivali come Google e Samsung, che ha appena lanciato il brand Galaxy AI per i suoi smartphone. L’AI su iPhone dovrebbe arrivare in modo significativo con gli iPhone 17, quindi a settembre 2025.

Salvo sorprese, inoltre, la gamma iPhone 16 continuerà a essere costituita da quattro varianti: due modelli base e due modelli Pro. Possibile anche un leggero incremento dei prezzi oltre all’eliminazione del taglio da 128 GB per il Pro, seguendo l’esempio dell’iPhone 15 Pro Max.

Nessun effetto novità e vendite ridotte

Le stime di Ming Chi Kuo, basate sugli ordini di Apple ai suoi fornitori, anticipano un 2024 negativo per la gamma iPhone. L’assenza di un effetto novità con i nuovi iPhone 16, inoltre, dovrebbe tradursi in risultati modesti anche nel corso del secondo semestre dell’anno, tradizionalmente periodo forte per la casa di Cupertino. Kuo si aspetta circa 200 milioni di iPhone spediti nel corso del 2024 e, quindi, un calo del 15% rispetto ai risultati del 2023.

Secondo le stime dell’analista, Apple potrebbe evidenziare il calo più marcato tra i principali marchi del settore smartphone nel corso del 2024. Questo calo dovrebbe tradursi in un contro-sorpasso da parte di Samsung, pronta a riconquistare la leadership del mercato smartphone, anche grazie ai nuovi Galaxy S24. La seconda posizione, invece, non è a rischio. Attualmente, infatti, il terzo produttore di smartphone al mondo è Xiaomi che ha spedito circa 150 milioni di unità nel corso del 2023. La casa cinese non riuscirà, nel breve periodo, a colmare il gap esistente oggi con Apple.