telefonia fissa iliad Fonte foto: Monkey Business Images/Adobe Stock
SMART EVOLUTION

Iliad ha comprato la maggioranza di Unieuro: telefonia fissa più vicina

Iliad prepara la strada per la telefonia fissa in Italia: diventa primo azionista di Unieuro con il 12% di capitale sociale

Dopo aver rivoluzionato il mercato della telefonia mobile, Iliad punta alla telefonia fissa e lo fa passando per Unieuro. L’operatore telefonico ha annunciato di aver acquisito il 12% del capitale sociale di Unieuro, diventando così azionista di maggioranza.

Le due società lavoravano insieme già da due anni, quando furono istituite Simbox Iliad in 200 dei 500 punti vendita di Unieuro distribuiti in tutta Italia. I clienti dell’operatore telefonico potevano quindi recarsi negli store fisici di Unieuro, leader italiano nella vendita di prodotti elettronici ed elettrodomestici, e acquistare la propria SIM. Ora che si prepara a fare il salto nella telefonia fissa, l’operatore ha deciso di investire su Unieuro, con cui il CEO di Iliad Italia, Benedetto Levi, sostiene di condividere i valori fondamentali, come la volontà di innovare, lo spirito imprenditoriale e l’attenzione alla qualità delle relazioni con consumatori e utenti.

Iliad entra in Unieuro e diventa primo azionista

Il gruppo di telecomunicazioni Iliad è stato fondato da Xavier Niel e nel 2021, dopo una proficua collaborazione con Unieuro, ha deciso di investire e acquisirne il 12% del capitale sociale, diventando di fatto il primo azionista. L’annuncio è arrivato in un comunicato stampa dell’operatore telefonico, che ha spiegato di aver acquisito le quote attraverso Iliad Holding S.p.A. e Iliad S.A..

Dopo l’arrivo in Italia a fine maggio 2018, in appena due anni Iliad ha raggiunto un totale di 7.24 milioni di abbonati, circa il 9% del mercato della telefonia mobile nel Paese. Unieuro invece ha chiuso i bilanci preliminari il 28 febbraio 2021, che sono ancora in via di approvazione dai revisori legali, ma che già evidenziano un nuovo record di ricavi pari a circa 2.7 miliardi di euro, per una crescita di circa il 9,8% nell’ultimo anno.

Entrambe le aziende si preparano quindi a raccogliere risultati da questa nuova avventura, come testimoniato anche dal CEO Levi, che ha dichiarato: "Siamo felici di entrare nel capitale di Unieuro per accompagnarli nella loro crescita a lungo termine. Apprezziamo la squadra Unieuro e condividiamo con loro valori fondamentali: una costante volontà di innovare, un forte spirito imprenditoriale e una vera attenzione alla qualità della relazione con gli utenti e i consumatori".

Iliad e Unieuro: cosa cambia

La collaborazione tra Iliad e Unieuro nasce 2 anni fa, quando in 200 dei 500 punti vendita della catena di negozi di elettrodomestici appaiono le Simbox dell’operatore. I due brand sono da allora associati, dato che i nuovi abbonati Iliad potevano usare comodamente le Simbox per ottenere la propria SIM e iniziare a utilizzarla, senza doverla ordinare online e attenderne la consegna. Anche se non ci sono riferimenti espliciti alle intenzioni di Iliad di aprire una propria offerta per la telefonia fissa, per molti la mossa di diventare principale azionista di Unieuro è l’ennesimo passo avanti verso l’ampliamento dell’offerta dell’operatore telefonico.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963