Libero
SCIENZA

Piccolo come una pallina da tennis: scoperta nuova specie

Nel Sud America esistono regioni ancora selvagge e inesplorate ed è proprio qui che un team di ricercatori ha scoperto una nuova specie.

Un team di scienziati ha identificato una nuova specie, un animale piccolo come una pallina da tennis che a lungo è stato confuso con altri di più antica scoperta. Siamo in Ecuador, per la precisione nella parte nord occidentale del Paese, dove la biodiversità è ricca e variegata e ancora in gran parte sconosciuta all’uomo.

Scoperta una nuova specie di topo spinoso sudamericano

Come riporta lo studio pubblicato sulla rivista Zookeys, la scoperta di questa nuova specie si deve ai ricercatori Nicolás Tinoco, Pontificia Universidad Católica del Ecuador (Quito), Claudia Koch, Istituto Leibniz per l’analisi dei cambiamenti della biodiversità (Germania), Javier E. Colmenares-Pinzón, Universidad Industrial de Santander (Colombia) e Jorge Brito, Instituto Nacional de Biodiversidad (Quito, Ecuador). Studiosi che dal 2017 si occupano delle specie che vivono in Ecuador, con l’obiettivo di individuarne di nuove e descriverle.

Il piccolo animale in questione è facilmente confondibile con altri presenti nella stessa area geografica, appartenenti tutti al genere Neacomys, un gruppo di roditori della famiglia dei Cricetidi noti per le loro dimensioni e per alcune caratteristiche specifiche, comunemente chiamati anche topi spinosi sudamericani. La nuova specie appena descritta, Neacomys marci, è la quattordicesima identificata dai ricercatori nella regione biogeografica del Chocó negli ultimi cinque anni e la ventiquattresima formalmente riconosciuta in questo genere di piccoli roditori.

Il Neacomys marci possiede caratteristiche ben precise: è lungo all’incirca quanto una pallina da tennis (6-7 cm), ha una lunga coda sottile e il pelo scamosciato chiaro, fatta eccezione per la parte inferiore al mento e il collo che sono di colore bianco. E il nome? Come sempre, non è stato scelto in maniera casuale: fa riferimento a Marc Hoogeslag, scienziato olandese cofondatore e leader dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura. Si tratta di un Fondo olandese per l’acquisizione di terreni, impegnato attivamente per aiutare i gruppi locali in tutto il mondo a creare nuove riserve ecologiche e a conservare le specie in via di estinzione. La Riserva Manduriacu della Fondazione EcoMinga, che ospita la specie appena scoperta, fa proprio parte di quelle che hanno beneficiato del progetto di Marc Hoogeslag.

La biodiversità nella regione biogeografica del Chocó

Neacomys è un genere di piccoli roditori spinosi o ispidi che occupano habitat nel Panama orientale e nella metà settentrionale del Sud America, dove ancora oggi esistono molte aree inesplorate. Ecco perché alcune delle specie attualmente riconosciute sono state studiate a lungo e i ricercatori sono del tutto sicuri che la biodiversità sia estremamente più ricca e variegata di quanto appurato finora.

Queste aree appartengono alla regione biogeografica del Chocó, considerata uno degli hotspot di biodiversità più diversificati di tutto il Sud America ma anche uno dei più estesi: va dalle coste del Pacifico di Panama fino alla Colombia e all’Ecuador. Una regione che somiglia in tutto e per tutto all’Africa, un angolo di mondo incontaminato e selvaggio che attende di essere sondato e decifrato.

Oggi gli sforzi sul campo sono maggiori e gli esperti possono condurre indagini più approfondite, anche grazie all’ausilio dei moderni approcci scientifici, come l’analisi molecolare, che contribuisce appunto non solo a individuare l’appartenenza dell’animale a un genere, ma anche a diversificarlo da quelli già noti.

Libero Annunci

Libero Shopping