Libero
SCIENZA

È un progetto assurdo, ma sperano davvero di riportarlo in vita

Gli scienziati stanno compiendo passi da gigante nell'editing genetico, come dimostrato dal progetto che potrebbe far rivivere il dodo

Le caratteristiche del dodo Fonte foto: 123RF

Un nome buffo, come anche l’aspetto d’altronde e un’assenza che dura da circa 4 secoli. Il dodo è un uccello quasi mitico e che è stato avvistato per l’ultima volta nel corso del ‘600, ma grazie a un progetto ambizioso potrebbe tornare a popolare il nostro pianeta. Il Raphus cucullatus, questo il nome scientifico dell’esemplare, era tipico delle Isole Mauritius.

Totalmente incapace di volare, era abituato a nidificare a terra e a cibarsi soprattutto dei frutti che riusciva a trovare. L’editing genetico ha fatto passi da gigante in questi ultimi anni e per questo motivo gli scienziati vogliono raggiungere un risultato che avrebbe del sensazionale. Può davvero il dodo tornare in vita dopo così tanto tempo?

Il nuovo genoma del dodo estinto

L’azienda che se ne sta occupando si chiama Colossal Biosciences e il procedimento è presto detto. La possibilità di estrarre il genoma dai resti di uccelli vissuti in passato è fattibile, per poi riassemblare il tutto e ricomporre il sequenziamento del genoma dell’esemplare estinto. Se i risultati dovessero essere soddisfacenti, allora ci potrebbero essere delle speranze anche per molti altri animali che sono spariti per sempre, una seconda occasione davvero allettante. Non mancano comunque i dilemmi etici in questo caso, anche se non è la prima volta che si fa partire un progetto del genere.

Se vuoi restare aggiornato con le ultime news di Libero Tecnologia e con le migliori offerte del giorno, iscriviti gratis al nostro Canale Telegram: clicca qui.

La stessa Colossal Biosciences ha avviato da tempo le procedure per far rivivere il Mammut e la tigre della Tasmania. Si tratta evidentemente di mammiferi, mentre il dodo sarebbe il primo uccello in assoluto da coinvolgere in sequenziamenti di questo tipo. Per i mammiferi, infatti, è sufficiente impiantare il materiale di modifica genetica nel sistema riproduttivo di un animale esistente imparentato con quello estinto (l’elefante nel caso del Mammut). Per quel che riguarda i volatili, invece, la stessa tecnica dovrebbe riguardare la deposizione delle uova e bisogna capire quanto questo sia stressante per l’uccello più strettamente imparentato.

La difficile impresa di far rivivere il dodo

Per far rivivere il dodo ci si affiderà a una specie conosciuta da tutti e molto diffusa in ogni angolo del pianeta, il piccione. Gli scienziati hanno intenzione di lavorare con le uova di quest’ultimo e sfruttare il materiale genetico per riprodurre il genoma del volatile scomparso nel XVII secolo. L’obiettivo è quello di riproporre le stesse caratteristiche peculiari del Raphus cucullatus, in particolare la sua incapacità di volare. Nessuno è finora riuscito a usare l’editing genetico per gli uccelli in questa maniera, un dettaglio che aumenta le difficoltà di quella che è già un’impresa titanica.

La fortuna degli esperti è di poter disporre di collezioni di dodo nei musei di tutto il mondo, il che significa che sequenziare il genoma dell’uccello morto non è impossibile. Il mito dell’estinzione del dodo per colpa dei cacciatori va comunque sfatato. La carne di questa specie è stata definita dai nostri antenati come disgustosa, molto più probabilmente i coloni delle Isole Mauritius avrebbero distrutto progressivamente l’habitat dell’animale disboscando e introducendo specie antagoniste. Infine, la nidificazione a terra e la scarsa mobilità degli esemplari adulti avrebbero agevolato la predazione dei piccoli di dodo, riducendo di secolo in secolo la popolazione complessiva.

Lavorazioni in ghisa personalizzate

Libero Annunci

Libero Shopping