tim vision Fonte foto: Tim Vision
TV PLAY

The Handmaid’s Tale: 5 curiosità che pochi conoscono

Mentre aspettiamo di conoscere se The Handmaid’s Tale avrà una nuova stagione e quando, sveliamo 5 curiosità di questa suggestiva serie tv

The Handmaid’s Tale è una tra le serie tv di questi ultimi anni che ha saputo intrappolare davanti allo schermo tantissimi fan, con un giusto mix di suggestione, storie raccontate e attori straordinari. Accolta da pubblico e critica con favore ha ricevuto diversi prestigiosi premi poco tempo. Non si conosce la data di uscita della nuova stagione, ma scopriamo assieme curiosità conosciute a pochissimi.

La serie tv The Handmaid’s Tale è basata su un romanzo distopico del 1985 dal titolo "Il racconto dell’ancella" della scrittrice Margaret Atwood di origini canadesi. The Handmaid’s Tale è ambientata in un futuro distopico in cui, a causa dell’inquinamento e di malattie, la fertilità umana è in continuo calo. Dopo una guerra civile, in quelli che erano considerati gli Stati Uniti d’America, prende il comando un regime teocratico totalitario. Alle donne viene impedito di lavorare o leggere e quelle rimaste fertili, chiamate "Ancelle" vengono brutalmente assegnate alle famiglie elitarie. Subiranno stupri da parte del loro padrone al solo scopo di dar loro dei figli per evitare l’estinzione. June Osburne, chiamata diFred, è la protagonista della serie, che sogna, nella cruda realtà il tempo che era, libera con sua figlia.

Prime curiosità di Handmaid’s Tale

Una prima curiosità di The Handmaid’s Tale riguarda proprio June Osburne, interpretata da Elizabeth Moss, che si è dichiarata appartenente al gruppo di Scientology. Questa è un’organizzazione con una sorta di matrice a forma religiosa, seguita da altre star di Hollywood come John Travolta o Tom Cruise che ha per moltissimi un lato oscuro, in cui aleggia da sempre un grande mistero.

The Handmaid’s Tale, sappiamo essere una serie tratta dal romanzo "Il racconto dell’ancella", ma prima della trasposizione televisiva, è stata un’opera teatrale e in seguito un balletto e, in ultimo, nel 1990, uscì un film per il cinema. Insomma diverse le trasposizioni nate da questo libro. Da dove, la scrittrice ha tratto ispirazione per il racconto delle ancelle? Ebbene pare proprio che 1984 di Orwell fu la base del romanzo della Atwood. Sapete che l’autrice del romanzo ha partecipato nell’episodio pilota della serie? Ha interpretato una delle Zie, le donne anziane e non sposate, a cui è affidato il compito di gestire le ancelle.

Copricapi e colori di The Handmaid’s Tale

L’idea dei costumi indossati dalle ancelle deriva dall’iconografia religiosa occidentale. Le mogli vestono la purezza nell’azzurro della Santa Vergine Maria, mentre le ancelle hanno le vesti rosse, simbolo del sangue del parto, ma anche di Maria Maddalena.

Il copricapo usato dalle protagoniste di The Handmaid’s Tale è bianco ed è fatto in maniera tale che le attrici non si vedano l’una con l’altra. Sul set infatti recitano basandosi unicamente sull’udito. Una cosa particolare e straordinaria.

TAG:

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963