Libero

Come sarà Threads, l'app anti Twitter sviluppata da Meta

Meta lavora a Threads, una nuova app con cui l'azienda punta a sfidare Twitter lanciando una piattaforma social inedita: l'app è in sviluppo e arriverà presto

meta threads twitter Fonte foto: diy13 / Shutterstock

Meta lavora ad un’alternativa a Twitter: il progetto è già iniziato e la nuova app, il cui nome definitivo potrebbe essere Threads, arriverà molto presto. Ad anticipare i primi dettagli sulla nuova app è il magazine The Verge che ha avuto modo di assistere ad una riunione aziendale di Meta in cui Threads è stato uno degli argomenti principali. L’app è in sviluppo e potrebbe arrivare molto presto.

Meta sfida Twitter con Threads

La nuova applicazione “anti Twitter” sarà collegata direttamente a Instagram: le informazioni dell’account Threads, infatti, arriveranno dall’account Instagram dell’utente creando così un vero e proprio “ecosistema” social. Questo collegamento potrebbe agevolare la diffusione dell’app permettendo agli utenti di rintracciare facilmente i creator seguiti. Potrebbe essere possibile anche una sincronizzazione tra i due social.

L’app integrerà ActivityPub, il protocollo decentralizzato che permette di portare con sé i propri account e follower su altre applicazioni. La struttura dell’app, invece, è ancora tutta da scoprire. Molto probabilmente, si tratterà di un’app dove il testo giocherà un ruolo di primo piano. L’obiettivo di Meta è sfruttare la divisiva gestione Musk di Twitter per sottrarre utenti al social e creare una nuova piattaforma da affiancare a Facebook e Instagram.

Focus sui creator

Meta, per lo sviluppo della sua app, si concentrerà principalmente sui creator. Per realizzare il progetto di Threads, infatti, l’azienda sta chiedendo feedback a diversi creatori di contenuti che dovranno poi sostenere la migrazione degli utenti da Twitter alla nuova piattaforma. The Verge segnala le parole di Chris Cox, chief product officer di Meta, che ha affermato di aver già convinto alcuni creator, come DJ Slime, ad utilizzare l’app.

Ci sarebbero, inoltre, discussioni in corso anche con Oprah e persino con il Dalai Lama. Meta, quindi, proverà a lanciare Threads potendo contare già su di un nutrito gruppo di creator pronti ad utilizzare attivamente “il nuovo Twitter”. In questo modo, infatti, convincere gli utenti a migrare sulla nuova piattaforma, magari abbandonando Twitter, sarà più semplice. La perdita della spunta blu su Twitter potrebbe convincere diversi creator a cambiare social.

L’app è ancora in sviluppo

Il progetto di Threads è iniziato attivamente soltanto pochi mesi fa. L’applicazione, infatti, è entrata in fase di sviluppo lo scorso mese di gennaio. Probabilmente, il progetto esisteva già da tempo ma il semaforo verde non era ancora scattato: lo scorso anno, infatti, Meta ha investito tantissimo (e senza successo) nel metaverso.

Oggi, invece, l’azienda sembra aver cambiato programmi. Rafforzare le sue piattaforme social, sfruttando le difficoltà del Twitter di Elon Musk e contrastando TikTok, è diventata una priorità. Il lancio di Threads rientra proprio in quest’ottica. Meta prevede di lanciare l’app di Threads “il prima possibile” come chiarito dal manager Chirs Cox.