Vita su Marte, ma le prove potrebbero essere state cancellate Fonte foto: Ansa
SCIENZA

C'era vita su Marte, ma le prove potrebbero essere state cancellate

La scoperta del rover Curiosity della Nasa: le prove della vita su Marte potrebbero essere state cancellate.

Le prove della vita su Marte potrebbero essere state cancellate. A dirlo è un nuovo studio della Nasa. Il rover Curiosity ha fatto una sorprendente scoperta mentre studiava le rocce sedimentarie ricche di argilla, proprio intorno al suo sito di atterraggio nel cratere Gale, un ex lago creato dalla caduta di un asteroide sul Pianeta Rosso circa 3,6 miliardi di anni fa. Solitamente l’argilla è un buon indicatore di forme di vita perché viene creata quando i minerali rocciosi si deteriorano e marciscono dopo il contatto con l’acqua. È anche un ottimo materiale per la conservazione di fossili microbici. Ma l’analisi di un campione di roccia sedimentaria conteneva solo la metà della quantità prevista di minerali argillosi.

La scoperta di Curiosity sulle prove di vita che potrebbero essere state cancellate

Il rover della Nasa ha prelevato due campioni di rocce contenenti argilla, dal letto del lago prosciugato, datati 3,5 miliardi di anni fa. I ricercatori hanno scoperto che un pezzo conteneva solo la metà della quantità prevista di minerali argillosi, mentre c’era una maggiore quantità di ossidi di ferro, i composti che danno a Marte il suo colore ruggine.

Il team di scienziati ritiene quindi che la scomparsa dell’argilla sia stata causata dall’acqua super salata che ha ripulito l’area. "Pensavamo che una volta formatisi, questi strati di minerali argillosi rimanessero tali", ha detto l’autore principale dello studio Tom Bristow. "Ma in seguito le salamoie hanno distrutto questi minerali argillosi in alcuni punti". Curiosity ha completato poi la sua analisi perforando gli strati della roccia marziana prima di utilizzare lo strumento di chimica e mineralogia, noto come CheMin, per osservare i campioni.

Secondo gli autori dello studio, il processo di trasformazione chimica nei sedimenti è chiamato diagenesi e potrebbe aver creato nuova vita su Marte, cancellando alcune delle prove delle vecchie forme di vita sulla sua superficie. Per questo motivo, anche se le vecchie tracce potrebbero essere state cancellate, le condizioni chimiche causate dall’afflusso di acqua salata potrebbero aver permesso ad altri esseri di nascere al suo posto.

La ricerca condotta da Curiosity non solo ha rivelato come è cambiato il clima marziano, ma ha anche aiutato Perseverance a determinare quali campioni di terreno raccogliere per aumentare le probabilità di trovare forme di vita e i ricercatori sono entusiasti della recente scoperta perché ritengono possa aiutarli a comprendere come si è trasformato il Pianeta Rosso. Recentemente sempre Curiosity ha anche catturato le immagini di spettacolari nuvole iridescenti su Marte.

Stefania Bernardini

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963