Libero
APP

WhatsApp cambia ancora: arrivano i messaggi audio effimeri

WhatsApp prosegue nel suo intento di "blindare" e proteggere il più possibile le conversazioni degli utenti: dopo i messaggi effimeri con testo, foto e video ora tocca ai messaggi audio "read once"

Una novità dietro l’altra per WhatsApp che, neanche una settimana fa, ha annunciato l’arrivo del codice segreto per proteggere le chat e, adesso, lancia una nuova funzione per la privacy dei suoi utenti: i messaggi vocali “effimeri“, cioè quelli che si “autodistruggono” o, anche se la definizione è imprecisa visto che si tratta di audio, “che si leggono una volta sola” (read once, in inglese).

Vocali effimeri WhatsApp: come funzionano

Il funzionamento dei messaggi vocali effimeri su WhatsApp è identico a quello degli altri tipi di messaggi “read once“: dopo la ricezione della nota audio, il nostro contatto ha una sola occasione per ascoltarla, poi il messaggio sparirà e non potrà più essere recuperato, perché non lascerà traccia né sul dispositivo né nel backup dell’app.

L’invio del messaggio vocale effimero funziona, esattamente come quello di foto e video, tramite l’apposita icona con il numero “1“: se chi invia il messaggio preme questa icona, allora il messaggio inviato sarà “effimero“.

Questo tipo di messaggi è studiato per aumentare la privacy e la sicurezza delle conversazioni su WhatsApp: se il messaggio sparisce, infatti, lo possiamo usare per condividere una password, o il numero di una carta di credito, senza lasciare tracce che qualcuno, anche in futuro, potrebbe ritrovare.

E possiamo farlo non più usando solo testo e video, ma finalmente anche i vocali che sono una delle funzioni più amate dagli utenti di WhatsApp negli ultimi anni: alcuni mesi fa, infatti, WhatsApp stessa ha reso noto che, ogni giorno vengono inviate oltre 7 miliardi di note audio tramite l’app.

Vocali effimeri WhatsApp: quando arrivano

L’arrivo dei messaggi vocali effimeri su WhatsApp è stato annunciato tramite un comunicato stampa ufficiale di Meta. Il comunicato è stato tradotto in tutte le lingue in cui la piattaforma è operativa, anche in Italiano.

Tuttavia, in Italia ancora questa funzione non è disponibile. Ma non ci vorrà molto affinché lo sia visto che WhatsApp afferma “Nei prossimi giorni implementeremo i messaggi vocali visualizzabili una volta in tutto il mondo“. Non resta che aspettare, quindi, e neanche tanto tempo.

WhatsApp sempre più blindata

Anche i messaggi audio “read once” vanno nella direzione da tempo tracciata da WhatsApp: quella della privacy totale dei suoi utenti. Di fatto, con l’arrivo della nuova funzione, è possibile inviare messaggi che si autodistruggono di tutti i tipi: testuali, con foto, con video e audio.

Poi, nelle settimane scorse, WhatsApp ha introdotto il “lucchetto” per nascondere le chat più riservate e, infine, anche il codice segreto per blindarle singolarmente.

Il tutto all’interno di un’app in cui ogni messaggio (tranne quelli inviati nei canali pubblici) è codificato e protetto con crittografia end-to-end, la più difficile da decifrare.