social media iphone Fonte foto: Cristian Dina / Shutterstock.com
APPLE

Apple ha eliminato un'app che stalkerava gli utenti

Apple ha eliminato dall'App Store l'applicazione Like Patrol, utilizzata dagli utenti per spiare le mosse dell'ex partner

12 Novembre 2019 - Sull’App Store di Apple c’era, e adesso non c’è più, un’app perfetta per spiare un ex partner tenendo traccia di tutta la sua attività su Instagram: si chiama(va) Like Patrol ed è stata rimossa da Apple dopo la segnalazione ricevuta dalla stessa app social, che a sua volta è arrivata dopo la segnalazione di CNET.

Sergio Luis Quinter, lo sviluppatore di Like Patrol, definiva la sua app come una sorta di “Following tab all’ennesima potenza“, facendo riferimento dalla tab “Seguiti” rimossa da Instagram il mese scorso proprio perché era diventata un potente strumento di stalking nei confronti di altri utenti. Like Patrol, però, poteva fare molto di più di “Following” e, infatti, era un’app a pagamento: 80 dollari l’anno. Per fortuna ad usarla, anche a causa di un prezzo non certo popolare, erano in meno di 300 nel mondo. Ma Quintero si oppone alla cancellazione di Like Patrol dall’App Store, con motivazioni neanche troppo sbagliate.

Come funziona Like Patrol

Like Patrol funziona facendo lo “scraping” (cioè la raccolta automatizzata dei dati di migliaia e migliaia di utenti) dei profili Instagram, al fine di tenere traccia di tutta l’attività di alcuni profili da noi scelti. E fin qui è più o meno quello che faceva la tab Following. Like Patrol, però, riesce anche a segmentare i dati per sesso, dicendoci ad esempio se la nostra ex interagisce con profili Instagram di uomini o di donne, e perfino per “attrattività” dei profili. È chiaro, quindi, che questa app può diventare uno strumento di stalking molto potente. Ufficialmente Apple l’ha eliminata dall’App Store poiché lo scraping dei dati degli utenti viola la policy dello store.

Like Patrol si oppone

Sergio Luis Quintero ha fatto appello ufficiale alla decisione di Apple e la motivazione non è campata in aria. Secondo Quintero, infatti, se quello che fa Like Patrol può essere considerato scraping allora la stessa Instagram lo ha fatto dal 2011 (cioè da quando è arrivata sull’App Store) fino al 2019 (quando ha rimosso la tab Following).

Non chiamatela Stalkerware

Chiunque abbia ragione tra Instagram e Apple, da una parte, e Quintero dall’altra, una cosa va specificata: Like Patrol è stata cancellata dall’App Store per scraping, ma non è considerata un’app di “stalkerware“. Con questo termine si intende un software che può essere utilizzato dai partner (o ex partner) per tenere traccia delle informazioni private di una persona. Come i dati sulla posizione, i registri delle chiamate, i messaggi di testo e i contatti. In effetti tutto questo Like Patrol non lo fa.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963