app store Fonte foto: ymgerman / Shutterstock.com
APPLE

Apple lancia le Universal App: cosa sono e come funzionano

Con le Universal App, gli utenti Apple avranno a disposizione la stessa applicazione su tutti i dispositivi della mela morsicata, da iPhone ai Mac

Paghi uno e prendi cinque: è in arrivo una rivoluzione che farà piacere agli Apple fan che, almeno per una volta, potranno risparmiare qualcosa. La società di Cupertino, infatti, sta iniziando a permettere agli sviluppatori di creare le cosiddette “Universal App e di venderle con la formula dell'”Universal Purchase“.

Oggi gli sviluppatori di app per iOS hanno la possibilità di permettere agli utenti di ricevere, una volta comprata la versione iOS di una app, anche la versione per iPad, Apple Watch e tvOS compresa nel prezzo. Ma non quella per macOS, che va comprata a parte. A partire da macOS 10.14 è stato lanciato il progetto “Marzipan” e le cosiddette “Catalyst App“, cioè app che funzionano contemporaneamente su tutti i sistemi operativi di Apple. Catalyst è una sorta di piattaforma unificata, che semplifica il lavoro degli sviluppatori e permette loro di portare la stessa app su tutti gli OS di Apple con uno sforzo e con costi di sviluppo minori. Adesso, però, è saltato fuori anche l’Universal Purchase.

Un solo acquisto per cinque piattaforme

Una app Catalyst può girare su iOS, macOS, iPadOS, tvOS, e watchOS, quindi su tutti i dispositivi di Apple. All’interno della versione 11.4 di Apple Xcode (l’ambiente di sviluppo delle app gestito da Apple, che contiene al suo interno anche diversi strumenti per gli sviluppatori) è comparsa tra le novità la possibilità di distribuire le app con la formula dell’Universal Purchase.

Ma non solo: questo tipo di distribuzione è quella di default per le app sviluppate in Catalyst: “Universal Purchase è abilitato di default per le nuove app Catalyst per Mac create con Xcode 11.4. Quando crei una nuova app Mac Catalyst, essa avrà lo stesso identificatore della tua app iOS“. Lo sviluppatore potrà poi scegliere se disabilitare l’Universal Purchase e continuare a far pagare a parte la versione macOS della sua app.

Universal App: cosa cambia per gli utenti

L’Universal Purchase sarà disponibile a partire da marzo 2020 e porterà diversi vantaggi agli utenti. Innanzitutto, verranno uniformate le categorie tra App Store e Mac App Store per rendere le app più facili da trovare. Chi comprerà una app universale, poi, ritroverà i suoi acquisti in-app su tutte le versioni e su tutti i sistemi operativi sui quali ha installato l’app. Questo sarà molto gradito soprattutto a chi acquisterà app di gaming universali.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963