Libero
APPLE

Apple Vision Pro: per capire come funziona ci vuole mezz'ora

Apple Vision Pro sta per arrivare e l'azienda di Cupertino prepara una dimostrazione di mezz'ora nei negozi per i clienti interessati

apple-vision-pro Fonte foto: Apple

Apple prepara il lancio del nuovo Apple Vision Pro. Il visore, svelato lo scorso giugno, sarà disponibile a partire dal prossimo 2 febbraio negli USA ma i preordini partiranno il 19 gennaio.

La casa di Cupertino si occuperà direttamente della distribuzione: Apple Vision Pro sarà acquistabile tramite lo store online dell’azienda oppure presso uno degli Apple Store sparsi sul territorio statunitense.

Le previsioni in merito al successo del visore non sono affatto certe e Apple sta già istruendo i suoi dipendenti che saranno chiamati al difficile compito di convincere i clienti a sborsare 3.499 dollari (più il costo delle lenti graduate ZEISS, se necessario) per portarsi a casa il visore.

Chi vorrà acquistare Apple Vision Pro potrà accedere a una dimostrazione negli Apple Store di circa mezz’ora.

Apple Vision Pro: una demo di mezz’ora negli store

Il solito Mark Gurman di Bloomberg ha chiarito alcuni dettagli in merito al lancio del nuovo Apple Vision Pro. Il prezzo elevato e la scarsa familiarità degli utenti con i visori rappresentano ostacoli importanti anche per Apple che, in passato, non ha avuto troppi problemi a convincere i suoi utenti a sborsare cifre significative per l’acquisto dei prodotti del suo ecosistema: in confronto ad un Visione Pro, infatti, persino un iPhone 15 Pro Max da oltre duemila dollari si vende da solo.

L’azienda di Cupertino sta, quindi, lavorando alla formazione dei dipendenti dell’Apple Store che dovranno illustrare ai potenziali acquirenti, nel dettaglio, il funzionamento del visore. Sarà necessaria una dimostrazione di almeno 25 minuti che, considerando le possibili domande da parte degli utenti, potrebbe arrivare facilmente a superare la mezz’ora. 

Gli utenti interessati all’acquisto di Apple Vision Pro dovranno sottoporsi a una scansione del volto, per individuare le fasce e le guarnizioni giuste da utilizzare. Chi indossa occhiali da vista dovrà effettuare anche una scansione delle lenti. Un addetto andrà poi ad assemblare il visore con i dati dell’utente. Il personale dell’Apple Store dovrà poi fornire le istruzioni per indossare e configurare il dispositivo.

La dimostrazione relativa al funzionamento di Apple Vision Pro comprenderà la visualizzazione di immagini tramite l’app Foto (anche immagini 3D), l’utilizzo del visore per la navigazione web e l’accesso a varie applicazioni oltre alla visione di film 3D. Gli Apple Store avranno spazi dedicati alle dimostrazioni. Chi acquisterà Apple Vision Pro potrà poi recarsi in un Apple Store per completare la configurazione in modo corretto.

Tutto ciò, indirettamente, vorrà dire che il Vision Pro di un utente sarà difficilmente utilizzabile da un suo amico o parente.

Mezzo milione di visori nel 2024

Apple sta preparando con cura il lancio di Apple Vision Pro e ha scelto, per il momento, di concentrarsi esclusivamente sul mercato statunitense. Al lancio, secondo le prime indiscrezioni, Apple avrà una disponibilità di circa 80.000 visori (con una porzione di questi che saranno utilizzati per le demo nei negozi).

Per tutto il 2024, inoltre, l’azienda punterebbe a distribuire circa mezzo milione di visori. Al momento, inoltre, i piani per una commercializzazione internazionale non sarebbero ancora chiari. Risultati sotto le aspettative negli USA potrebbero rimandare il lancio in altri mercati.